Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Fabio Privitera

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Fabio Privitera
C'è un mondo che lascia scivolare i colori, mostrando toni di grigio e cumuli di pietre là dove prima c'era un giardino. Ognuno di noi coglie tutto questo e si adatta a quei toni, indossandoli, o facendo di tutto per inventarsi dei colori propri col quale ridipingere il mondo e mostrare ciò che era e che potrebbe ancora essere. Tengo il pennello in una mano e sull'altra una tavolozza infinita. Dipingo il mondo così che tu possa amarlo come lo amo io.
Composta sabato 4 settembre 2010
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Fabio Privitera
    Se ci comportassimo come foglie che si fanno trasportare dal vento sentiremmo la vita stessa fluire sotto la pelle e capiremmo come alla fine il vento non è qualcosa che ci obbliga a seguire un percorso ma è il mezzo con cui la vita ci bisbiglia quale sarebbe il percorso migliore, non quello più facile, ma quello migliore.
    Composta sabato 7 agosto 2010
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Fabio Privitera
      Non ho risposte, solo intuizioni che mutano e generano nuove domande. Ho quella vaga idea che la natura mi suggerisca qualcosa di sé rivelandosi, truccandosi, nascondendosi e mostrandosi di nuovo, o piuttosto il vaneggiamento di un folle che pensa sia così. In un certo modo la natura assomiglia agli esseri umani che rivelano parte della propria essenza, nascondendo il resto, o simulando qualcosa, mescolando le carte, aspettando un bravo giocatore con cui confrontarsi o dargli l'impressione di aver compreso il proprio bluff. Tutto sommato, che io abbia ragione o no, lo saprò alla fine di questo viaggio. La verità non potrò che conoscerla altrove.
      Composta mercoledì 9 giugno 2010
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Fabio Privitera
        Assonanza: ciò che ha il suono simile! Ogni nota, ogni parola, ogni cuore o qualunque cosa che ritieni sia al di fuori te ma, nel contempo, senti come se ti appartenesse e ti fa tremare la pelle e rimbomba all'interno della gabbia toracica, perché è l'anima tesa a corda di violino che, vibrando sulla stessa frequenza, risponde.
        Composta mercoledì 15 settembre 2010
        Vota la frase: Commenta