Scritta da: Susanna Scarlata
Se dovessi paragonarmi ad un animale sceglierei il gatto.
Lo farei per tutti i suoi atteggiamenti. Il suo saper essere tremendamente coccolone (e un bel po' ruffiano) ma anche il suo saper tirare fuori le unghie quando è necessario, senza alcun timore.
Riesce sempre ad uscirne, dai guai, dalle scorrettezze. I suoi occhioni dicono tutto, basta saperli guardare, così come basta saper osservare i suoi movimenti per capire dove vuole arrivare. Cosa vuole conquistare.
È pigro ma quando inizia a giocare lancia gioia ovunque, anche nei volti più tristi, perché fa tanto ridere il suo modo bellissimo di divertirsi con cose minuscole ed improbabili. Dagli un tappo di bottiglia e lui impazzirà.
Non si fa toccare se non è lui a decidere che è il momento, che puoi osare. Non si fa neanche prendere se non ha voglia di starti a sentire. Gli ordini non li accetta ed è spesso diffidente con chi non conosce ancora. Ha un carattere tutto suo, si ama o si odia. E penso sinceramente che le persone incapaci di amare o capire un gatto saranno per sempre incapaci di comprendere ed amare anche me.
Susanna Scarlata
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di