Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Ambra
"Continua a suonare," m'incit˛ Esme. Le mie mani si erano fermate di nuovo.
Feci come aveva chiesto, e venne dietro di me, poggiando le mani sulla mia schiena.
La canzone era interessante, ma incompleta. Giocai con un accordo, ma non sembr˛ in qualche modo corretto.
"╚ affascinante. Ha un nome?" Chiese Esme.
"Non ancora."
"Vi Ŕ una storia collegata?" Domand˛, un sorriso nella sua voce. Questo le dava un immenso piacere, e mi sentii in colpa per averle negato la mia musica per cosý tanto tempo. Ero stato egoista.
"╚... una ninna nanna, suppongo." Trovai l'accordo giusto. Si leg˛ con facilitÓ al movimento successivo, prendendo vita da solo.
"Una ninna nanna," ripetÚ a se stessa.
Vi era una storia dietro questa melodia, e una volta che lo capii, tutti i pezzi si ricomposero facilmente. La storia era una ragazza addormentata in uno stretto letto, dai capelli neri folti e arruffati e contorta come un'alga sopra il cuscino...
Vota la frase: Commenta