Scritta da: Francesca Fontana
Si scostò di pochi centimetri per guardarmi, ma i suoi occhi non facevano niente per assecondare la mia decisione. Erano fuoco nero. Ardevano. "Perché?", chiese di nuovo, a voce bassa e ruvida. "Ti amo. Ti voglio. Adesso".
"Aspetta, aspetta", cercai di dire, aggirando le sue labbra.
"Io no di certo", mormorò.
"Per favore", esclamai.
Con una smorfia si allontanò da me e rotolò sul fianco.
Stephenie Meyer
dal libro "Eclipse" di Stephenie Meyer
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di