Scritta da: Stefano Gentilini
Danzare tra la pioggia aspettando il sole, vivere il buio per rivedere il giorno. Giocare con i ricordi e trasformarli nuovamente in sogni, inventare nuovi colori per dipingere una nuova vita. Guardare le cose vecchie con occhi nuovi per dar loro nuovi significati e ricordarsi che nasciamo piangendo, ma non moriremo ridendo. Guardasi indietro e non riconoscersi è peggio che guardarsi allo specchio e domandarsi chi sei, amare senza chiedersi perché. In definitiva la vita sarebbe più semplice di quello che è, se cedessimo alle resistenze che ci percorrono, se cedessimo e non dimenticassimo per un'istante, un solo istante che ognuno di noi, potrebbe essere l'artefice della vita di qualcun altro.
Stefano Gentilini
Composta sabato 15 marzo 2014
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di