Scritta da: Roberta De Santis
Muti e soli. Ce ne stavamo rintanati in noi stessi. Compagni di pasto e di dolori. Panni stesi ai due capi di un filo. Pale eoliche che si intersecano solo in un punto, quello della loro ingenuità ferita. Rami diversi di uno stesso albero che si cibano di linfa di modi gentili e affetto fuso.
Roberta De Santis
Composta giovedì 20 giugno 2013
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di