Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Mariella Buscemi
La vita ha una grande, grandissima sala d'attesa. Fissi la porta di quell'ascensore che speri si spalanchi all'improvviso. C'eri arrivata, eri lì, ti avrebbe portato in alto, lì a quel settimo cielo di cui avevi sempre sognato le nuvole e gli angeli, ma qualcuno più veloce l'ha chiamato prima di te; pensavi andasse su, invece l'hanno chiamato da sotto: avrebbe fatto meglio a far salire te! E le vite di tutti sono porte scorrevoli di ascensori di antichi palazzi che hanno dentro storie, quadri appesi a chiodi arrugginiti, stanze, segrete, sotterranei, armadi abitati da scheletri, pareti umide e qualche ornamento sfarzoso qua e là. Quanti ritardatari e quanta gente rimasta giù in questa grandissima sala d'attesa. Si fanno anche bell'incontri di tanto in tanto, altre volte brutti, ma ad accomunarci questa stessa necessità di raccontarci le vite e di quella volta in cui abbiamo perso l'ascensore e siamo rimasti a terra. Non ti resta che aspettare che la porta si apra per portarti a casa tua, lì al piano che ti è stato assegnato.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    Ho preso l'abitudine di abbracciarmi da sola! Ci sono sempre per me, quando mi chiamo non ho impegni, non mi infastidisco per la perdita di tempo, mi capisco, so perfettamente cosa voglio dire quando parlo confusamente tra i singhiozzi, mi scuso da me e non ci sono conseguenze, equivoci od offese quando do di matto. So compatirmi e tollerarmi quando sono odiosa fino all'inverosimile, ingestibile, villana e capricciosa. Ho preso l'abitudine di abbracciarmi da sola perché se dovessi aspettare che qualcuno lo faccia, morirei di freddo. Non ho a chi chiederli questi abbracci, ma dopo un po' non se ne sente neppure la mancanza, o l'esigenza, si ha solo la percezione di un retrogusto che sa di calore e completezza quando se ne ricevevano; probabilmente, se ci fosse qualcuno a donarmeli, li rifiuterei non riconoscendone l'intenzione.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Mariella Buscemi
      Ci si abitua anche a questo vuoto dentro. Le parole fanno eco come in una caverna dall'antro minaccioso. Vedo solo il bianco ed il nero come la neve di notte, come l'inchiostro sulla carta, come la scacchiera su cui giocare la mia partita con te, come la stoffa del pied de poule di un foulard, come lo sheridan's dolcissimo che mi tiene compagnia, lasciandomi affogare. Se la crisalide spaccasse il vetro, allora, sarebbe colore.
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Mariella Buscemi
        Una zingara mi ha letto la mano. Mi ha detto che ho la linea della paura molto lunga, parte dal palmo e m'arriva agli occhi o, forse, parte da questi per arrivare ai piedi e cammina sempre un passo avanti. E le ho chiesto se posso barattare la sua lunghezza con quella dell'amore, ma mi ha detto che finché è lunga quella della vita dovrò sempre sperare.
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Mariella Buscemi
          Dentro una vasca, nuda, mi sembra di annegare, mi pare il mare salato, l'onda più alta che si getta e si squassa, tempesta e burrasca, la testa sbattuta sullo scoglio, il rosso si squaglia, e il cuore matto nuota, districa i folti capelli neri e viaggia dal mio Mediterraneo al tuo vicino Adriatico e ti raggiunge in sogno, sogno, mia scialuppa di salvataggio, a bordo pirati e demoni, ricordi e timori, l'ancora che arpiona il desiderio ed è sussulto che vibra fin giù nei fondali, bellezza degli abissi, forzieri celati e scheletri. È meglio tornare indietro, non ti si raggiunge, si muore nel cercarti. Nuoto senza sosta e tiro un sospiro dall'apnea dei ricordi, riemergendo da questa mia vasca-mare.
          Vota la frase: Commenta