Scritta da: Laura Giavazzi
Ti diradi come la nebbia alle prime ore del giorno i tuoi passi silenziosi vestono i rintocchi di un cuore che non è più solo come aria ti sposti sorvolando l'acqua senza lasciare traccia ti dissolvi e riappari ogni sera come un folletto che timido cerca di mostrarsi ti sento e ti vivo ogni qualvolta rivolgo gli occhi al cielo, là sopra le nuvole dove i miei sogni partono.
Laura Giavazzi
Composta sabato 19 ottobre 2013
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di