Frasi celebri di Cristian Marrosu

Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Chiedeva perdono a un Dio che desiderava vicino, trascendenza trasposta sempre in vita terrena, dialogo interiore per chi si è sempre saputo orfano. Perdono per non essere in grado di mantenere la sua promessa. Dedizione, assistenza, comprensione, conforto, fiducia, ricerca, tutto qui il Sacro Matrimonio? Intenzioni. Dove sono l'intimità, la gioia, il progetto, e dove sono le mani che accarezzano una pancia tesa e lucida, curve mentali a ingoiare futuro. Claire da quando stava con Claudio si era sempre pensata filiforme, quasi incapace di ingoiare futuro. L'amore poi è ancora un'altra cosa. Un'altra casa, non sempre fatta di mattoni. Claire voleva una famiglia, lei che non aveva mai avuto una, una normale. Era stata un caso particolare sin da quando ne aveva avuto coscienza. E memoria. Spiegare agli altri bambini che sua madre c'era, ma altrove, in cielo. E suo padre c'era, ma altrove, via lontano. E la sua casa c'era, ma non proprio sua, ci abitava con chi si prendeva cura di lei. E la sua città c'era, ma altrove, perché le sue radici erano altre. Le trovava nei racconti caldi fatti per lei da parenti e adulti. Caldi come un pile d'inverno.
Cristian Marrosu
Composta giovedì 10 febbraio 2011
Vota la frase: Commenta
    E voltandosi guardò il cancello. Nulla gli apparteneva di quel luogo e non aveva memoria alcuna di un legame con quelle mura. Gli occhi, sempre a cercare un altrove, come la sua carcassa stanca; di quel corpo che aveva seduto e camminato ovunque; e ovunque era ricordo. Ma non lì. Lì non vi era ricordo perché non vi era mai stata pace.
    La libertà è questo. La leggerezza dell'anima nel guardare un cancello, una casa, un letto, e non sentirsi disturbati.
    Cristian Marrosu
    Composta sabato 30 giugno 2012
    Vota la frase: Commenta
      C'è stato un tempo in cui ciò che era prezioso lo decideva la terra, non l'uomo.
      Terra come madre, che seppe dare alla pietra la bellezza, lasciando che fosse li anche solo per essere guardata, per donare anche a lei quel diritto, dell'essere qualcosa in più.
      Oggi una piccola pietra sta alla base di qualcosa. Resterà li tra le cose che puoi guardare; in quel tuo posto, dove l'ondeggiare delle foglie sa fare musica, e tu sai ascoltare; e le voci che vi aleggiano ti fanno amare ogni istante dell'esistere. Quel posto dove tu sai ringraziare ogni giorno per chi è riuscito a restare, e sai essere grata. Quel posto in cui non importa chi è primo o secondo, perché anche quella pietra diventò seconda, quando la sua preziosità, agli occhi degli altri fu sopraffatta dal suo essere Roccia.
      La roccia dura e la roccia preziosa. Sa tenere tutti i pezzi insieme; preziosa come una testata d'angolo che se cade, tutto fa cadere. Tu sei così, una roccia preziosa. Anche mentre dormivi, e lasciavo che la tua essenza mi carezzasse ancor prima delle tue mani.
      Cristian Marrosu
      Composta lunedì 17 settembre 2012
      Vota la frase: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di