Questo sito contribuisce alla audience di

Se un silenzio sa far pensare ad una distanza, la convinzione che essa possa esserci davvero è annientamento. L'annientamento è il nulla. La fine. Ma non può esserci fine nemmeno nel silenzio. Se lo si ascolta, ha come un pentagramma su di sé, come se vi transitassero su di esso le musiche che solo i pensieri più sinceri sanno cantare.
Chiedetelo alla notte; chiedetelo alle rive. Ai pescatori, ai soldati. Vi risponderanno con la luce.
Composta mercoledì 30 novembre 2011
Vota la frase: Commenta
    Quando anche il dialogo è diventato silente, resta solo l amarezza. Allora si, che i muri diventano tali, e tutto ciò che era spessore, diventa carta velina.
    Neanche dirsi ciao, come le persone qualunque; come se non rimanesse traccia di una scia di "Dior", o di una rosa tra due cuscini dopo una notte d'amore. Sembrano così lontani quei giorni. Lo sono. Sono remoti. Il tempo non è scandito da un orologio, ma dai pensieri che cercano e creano anticorpi per guarire, e dirsi ciao.
    Composta mercoledì 30 novembre 2011
    Vota la frase: Commenta
      Più del fascino e dell'intelletto, degli odori che rendono giustizia ai piaceri dell olfatto; e alla pelle, che inarrestabilmente risponde, dando vita a quel desiderio di scivolar via, sull'altra pelle. Ma ancora di più e lo stare a guardare; osservare il quotidiano, osservare il tuo "sentire" il tuo "agire" e amarlo intensamente; e sentire un piacere, vedendo scivolar via il tempo, sentendo l'insaziabilità del vero amare. Come seduto su una panchina, in un qualunque viale, di un qualunque altrove. Voltarsi ovunque per cercarti; trovarti e sorridere perché è la cosa più bella osservare quel tuo vivere. La completezza dell'amore; la bellezza dell'esistere.
      Composta mercoledì 30 novembre 2011
      Vota la frase: Commenta