Si sono mesi a litigare in strada, hanno bloccato il traffico fregandosene di tutti, hanno bestemmiato e detto brutte parole davanti anche ai bambini, si sono menati di (poco) santa ragione. Alla fine uno dei due è riuscito a colpire l'altro, a stenderlo a terra. Si è guardato intorno ed ha urlato alla gente, - avete visto, sono il più bravo il più forte, ecco, votate me - ed ha consegnato le schede elettorali precompilate, col suo simbolo già barrato. Ma intanto l'avversario, anche se ferito si sta alzando da terra e sta per colpire alle spalle il "vincitore per un attimo". Intanto il portaborse del caduto che si è rialzato prepara le sue schede elettorali precompilate per sostituire quelle dell'avversario. Ma la democrazia prima di tutto, le elezioni sono sacre.
Alexandre Cuissardes
Composta sabato 2 marzo 2013
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di