Commenti a "La pietà del capitale di fronte agli squilibri..." di Flavia Ricucci


8
postato da , il
Il tuo Attila, cara scheggia, dimostra onniscienza e onnipresenza e noi, poveri mo*tali, di fronte al sovrumano nulla possiamo opporre.
7
postato da scheggia52, il
Ma, caro Attila, non eri in vacanza, che l'altro giorno mi hai fatto passare anche la parola" m0rt0"? Sei gia' tornato al lavoro? Marzullo ti sta sulle pa*l*l*e?...se e' per questo, anche a me!
6
postato da scheggia52, il
Investire in buone azioni  (dettate dalla pieta' verso i piu' deboli e bisognosi)puo' essere considerato un investimento oculato? Mi do una risposta (tipo Marzullo): dal punto strettamente finanziario, penso di no.
5
postato da , il
Esimia signora bea,
Non avendo, io, incriminato alcun O cu-la-to deve esserci nei nostri interventi un forte malinteso.
La prego perciò di voler perdonare la mia insipienza e suggerirmi una via d’uscita onorevole.
Il Suo attento allievo.
4
postato da , il
VE lo riscrivo e credo che il termine incriminato è "O C U L A T O"
Vedi chi ha un capitale deve essere oc*ulato negli investimenti, per cui è spontaneo il soccorrere i bisognosi attraverso SPA o quant'altro,
...senza sc*opo di lucro.??

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti

Questo sito contribuisce alla audience di