Racconti di Concetta Antonelli

I am casalinga, molte riserve e qualche optional, nato a Monopoli, bari (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Concetta Antonelli

Il ragù

Nel silenzio di casa mia scrivo: la luce dello schermo del pc mi fa compagnia, musica in sottofondo, quiete, silenzio: sono sola. Tutti fuori, ciascuno per i suoi motivi, la giornata è stata intensa e sto bene qui, mi rilasso, penso a domani, domenica, il mio piccolo nucleo familiare si riunisce... [continua a leggere »]
Concetta Antonelli
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Concetta Antonelli

    In treno

    Lo scompartimento era vuoto.
    Tutto sommato, questo lo preoccupava un po'... "Con tutto quello che si sente dire...!" bofonchiò a mezza voce.
    Pensava non ce ne fossero proprio più così... ormai i vagoni erano unici, sedili distribuiti, con un po' di esperienza riuscivi anche a scegliere un...
    [continua a leggere »]
    Concetta Antonelli
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Concetta Antonelli

      L'Alabrador

      Alabrador non è un titolo onorifico spagnolo, come verrebbe di pensare...
      Alabrador è, invece, il nome da pedigree che abbiamo attribuito a Tobia, il nostro cane, figlio di un'alana e di un Labrador: mantello nero di raso lucido, focato in bianco sul petto e sulla punta della coda e delle zampe...
      [continua a leggere »]
      Concetta Antonelli
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Concetta Antonelli

        L'altra sera passeggiavo...

        L'altra sera passeggiavo lungo il porticciolo di Torre a mare.
        Era tutto molto silenzioso e tranquillo, le barche dondolavano appena appena per effetto del vento, facendo sciogliere e ricomporre mille volte i riflessi colorati nell'acqua scura.
        Niente luna, un po' di vento fastidioso, quello...
        [continua a leggere »]
        Concetta Antonelli
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Concetta Antonelli

          L'isola che non c'è

          "E invece c'è, mamma! Io l'ho vista!" Il bambino battè forte il piccolo piede a terra, i pugni stretti, le braccia rigide lungo il corpo magro e scattante, la bocca serrata in una linea ferma.
          "Era qui. Ieri. Ci sono salito su e ho raccolto quei frutti tondi e dolci: e c'era un gattino rosso...
          [continua a leggere »]
          Concetta Antonelli
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di