Scritta da: Linda Reale Ruffino
Ci sono volte in cui si colgono successi personali e piccole soddisfazioni
che ci gratificano e ci ripagano
di mille sofferenze
madri di nasciture lacrime,
celate fra nero inchiostro e cupi pensieri.

Non fugge il dolore che tiene svegli la notte,
non tornano in vita gli affetti perduti,
non si leniscono le sofferenze del corpo,
ma ciò che fugge è l'inverno
da quelle anime che gettano reti nel mare del dolore
e pescano sorrisi di speranza.
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di