Poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Marilù Rossi

'A vita

'A vita è bella, sì, è stato un dono,
un dono che ti ha fatto la natura.
Ma quanno po' sta vita è 'na sciagura,
vuie mm' 'o chiammate dono chisto ccà ?

E nun parlo pè me ca, stuorto o muorto,
riesco a mm'abbuscà 'na mille lire.
Tengo 'a salute e, non faccio per dire,
songo uno 'e chille ca se fire 'e fà.

Ma quante n'aggio visto 'e disgraziate :
cecate, ciunche, scieme, sordomute.
Gente ca nun ha visto e maie avuto
'nu poco 'e bbene 'a chesta umanità.

Guerre, miseria, famma, malatie,
crestiane addeventate pelle e ossa,
e tanta gioventù c' 'o culo 'a fossa.
Chisto nun è 'nu dono, è 'nfamità..
Totò (Antonio de Curtis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilù Rossi

    'E ccorne

    Ognuno 'e nuie nasce cu nu destino:
    'a malasciorta, 'e 'vvote, va..., pò torna;
    chi nasce c'o scartiello arreto 'e rine,
    chi nasce c'o destino 'e purtà 'e ccorne.

    Io, per esempio, nun mme metto scuorno:
    che nce aggio 'a fà si tarde ll'aggio appreso?
    Penzavo: sì, aggio avuto quacche cuorno,
    ma no a tal punto da sentirme offeso.

    E stato aiere 'o juorno, 'a chiromante,
    liggénneme cu 'a lente mmiezo 'a mano,
    mm'ha ditto: "Siete stato un triste amante,
    vedete questa linea comme è strana?

    Questa se chiamma 'a linea del cuore,
    arriva mmiezo 'o palmo e pò ritorna.
    Che v'aggia dì, carissimo signore;
    cu chesta linea vuie tenite 'e ccorne.

    Guardate st'atu segno fatto a uncino,
    stu segno ormai da tutti è risaputo
    ca 'o porta mmiezo 'a mano San Martino:
    'o Santo prutettore d'e cornute".

    Sentenno sti pparole 'int'o cerviello
    accuminciaie a ffà mille penziere.
    Mo vaco 'a casa e faccio nu maciello,
    pe Ddio, aggia fà correre 'e pumpiere.

    " Ma no... Chi t'o ffa fà? " (na voce interna
    mme suggerette). "Lieve ll'occasione.
    'E ccorne ormai songhe na cosa eterna,
    nun c'è che ffà, è 'a solita canzone.

    'O stesso Adamo steva mparaviso,
    eppure donna Eva ll'ha traduto.
    Ncoppa a sti ccorne fatte 'nu surriso,
    ca pure Napulione era cornuto!".
    Totò (Antonio de Curtis)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilù Rossi

      'O schiattamuorto

      Ì faccio 'o schiattamuorto 'e prufessione,
      modestamente songo conosciuto
      pè tutt'e ccase 'e dinto a stu rione,
      peccheè quann'io manèo 'nu tavuto,
      songo 'nu specialista 'e qualità.

      Ì tengo mode, garbo e gentilezza.
      'O muorto nmano a me pò stà sicuro,
      ca nun ave 'nu sgarbo, 'na schifezza.
      Io 'o tratto comme fosse 'nu criaturo
      che dice 'o pate, mme voglio jì a cuccà.

      E 'o co'cco luongo, stiso 'int"o spurtone,
      oure si è viecchio pare n'angiulillo.
      'O muorto nun ha età, è 'nu guaglione
      ca s'è addurmuto placido e tranquillo
      'nu suonno doce pè ll'eternità.

      E 'o suonno eterno tene stu vantaggio,
      ca si t'adduorme nun te scite maie.
      Capisco, pè murì 'nce vò 'o curaggio;
      ma quanno chella vene tu che ffaie?
      Nn'a manne n'ata vota all'al di là?

      Chella nun fa 'o viaggio inutilmente.
      Chella nun se ne va maie avvacante.
      Sì povero, sì ricco, sì putente,
      'nfaccia a sti ccose chella fa a gnurante,
      comme a 'nu sbirro che t'adda arrestà.

      E si t'arresta nun ce stanno sante,
      nun ce stanno raggione 'a fà presente;
      te ll'aggio ditto, chella fa 'a gnurante...
      'A chesta recchia, dice, io nun ce sento;
      e si nun sente, tu ch'allucche a ffà?

      'A morta, 'e vvote, 'e comme ll'amnistia
      che libbera pè sempe 'a tutt'e guaie
      a quaccheduno ca, parola mia,
      'ncoppa a sta terra nun ha avuto maie
      'nu poco 'e pace... 'na tranquillità.

      E quante n'aggio visto 'e cose brutte:
      'nu muorto ancora vivo dinto 'o lietto,
      'na mugliera ca già teneva 'o llutto
      appriparato dinto a nù cassetto,
      aspettanno 'o mumento 'e s'o 'ngignà.

      C'è quacche ricco ca rimane scritto:
      " Io voglio un funerale 'e primma classe! ".
      E 'ncapo a isso penza 'e fà 'o deritto:
      " Così non mi confondo con la massa ".
      Ma 'o ssape, o no, ca 'e llire 'lasse ccà?!

      'A morta è una, 'e mezze songhe tante
      ca tene sempe pronta sta signora.
      Però, 'a cchiù trista è " la morte ambulante "
      che può truvà p'a strada a qualunq'ora
      (comme se dice?... ) pè fatalità.

      Ormai per me il trapasso è 'na pazziella;
      è 'nu passaggio dal sonoro al muto.
      E quanno s'è stutata 'a lampella
      significa ca ll'opera è fernuta
      e 'o primm'attore s'è ghiuto a cuccà.
      Totò (Antonio de Curtis)
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di