Poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Statuina a Francesca

Tu s a cchiù bella 'e tutt' 'e principesse,
'e tutt' 'e principesse si 'a riggina.
Pe tutt' 'a vita addenucchiato io stesse
a cuntemplà sta grazia accussì fina.
Tu femmena nun sì, tu sì na fata
impastata 'e latte, porcellana e rrose,
sta pella è d'alabbastro avvellutata...
(Perdoname si dico chesti ccose).

'Ncopp' a sta vocca fatta cu 'e ccerase,
e 'ncopp' a chesta massa 'e seta nera
ca tiene pe capille, quanta vase
io nce vulesse dà... matina e sera.

Chist'uocchie tuoie chin' 'e malincunia
ca tiene 'nfronte songo comm' a ll'esca,
songh'uocchie ca me fanno asci 'mpazzia.

St'anema mia s'addorme 'a notte e sonna
sunnanno 'e te, nun te chiamma Francesca;
ma saie comme te chiamma a tte? Madonna!
Totò (Antonio de Curtis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    Il cimitero della civiltà

    Aiere ha fatto n'anno - 'o diece 'e maggio,
    na matenata calda e chiena 'e sole -,
    penzaie 'ncapo a me: "Cu che curaggio
    io stamattina vaco a faticà!".
    Facenno 'o paro e sparo mme susette:
    "Mo mme ne vaco 'a parte 'e copp' 'o Campo".
    Int'a ddiece minute mme vestette
    cu 'e mucassine e cu 'o vestito blu.

    Nun facette sparà manco 'o cannone
    ca già stevo assettato int' 'a cantina,
    annanze a nu piatto 'e maccarune:
    nu zito ch'affucava int 'o ragù.

    C' 'a panza chiena, a passo... chianu chiano
    mme ne trasette dint'a na campagna,
    mmocca nu miezo sigaro tuscano,
    ca m' 'o zucavo comme 'o biberò.

    Tutto a nu tratto veco nu spiazzale
    chino 'e ferraglie vecchie e arrugginite.
    E ched' è, neh?... nu campo 'e residuate:
    "il cimitero della civiltà".

    Nu carro armato cu 'a lamiera rotta...
    trattore viecchie... macchine scassate...
    n' "Alfetta" senza 'e qquatte rote 'a sotto...
    pareva 'o campusanto d' 'a Pietà!

    Guardanno a uno a uno sti ruttame,
    pare ca ognuno 'e lloro mme diceva:
    "Guardate ccà cosa addiventiamo
    quanno 'a vicchiaia subbentra a giuventù".

    Mmiezo a sta pace, a stu silenzio 'e morte,
    tutto a nu tratto sento nu bisbiglio...
    appizzo 'e rrecchie e sento 'e di cchiù forte:
    "Mia cara Giulietta, come va?".

    Chi è ca sta parlanno cu Giulietta?
    Nmiezo a stu campo nun ce sta nisciuno...
    Tu vuo vedè che l'hanno cu ll' "Alfetta"?
    Cheste so ccose 'e pazze! E chi sarrà?

    Mme movo chianu chiano... indifferente,
    piglio e mm'assetto 'ncopp' 'o carro armato...
    quanno 'a sotto mme sento 'e di: "Accidente!...
    E chisto mo chi è?... Che vularrà?".

    Chi ha ditto sti pparole? Chi ha parlato?
    I' faccio sta domanda e zompo all'erta...
    "So io ch'aggio parlato: 'o carro armato...
    Proprio addu me v'aviveve assettà?

    A Napule nun se pò sta cuieto.
    Aiere un brutto cane mascalzone
    se ferma, addora... aiza 'a coscia 'e reto,
    e po' mme fa pipi 'nfaccia 'o sciassi".

    "Vi prego di accettare le mie scuse,
    v' 'e ffaccio a nome anche del mio paese;
    Ma voi siete tedesco o Made in Usa?
    E come vi trovate in Italy?".

    "Sono tedesco, venni da Berlino
    per far la guerra contro l'Inghilterra;
    ma poi - chiamalo caso oppur destino -
    'e mmazzate ll'avette proprio ccà!".

    "Ah, si... mo mme ricordo... le mazzate
    ch'avisteve da noi napoletani...
    E quanto furon... quattro le giornate,
    si nun mme sbaglio: o qualche cosa 'e cchiù?".

    "Furon quattro.Mazzate 'a tutte pizze:
    prete, benzina, sputazzate 'nfacccia...
    Aviveve vedè chilli scugnizze
    che cosa se facettero afferrà!".

    "Caro Signore, 'o nuosto è nu paisiello
    ca tene - è overo - tanta tulleranza;
    ma nun nce aimma scurdà ca Masaniello
    apparteneva a chesta gente ccà.

    E mo mm'ite 'a scusà ll'impertinenza,
    primma aggio 'ntiso 'e dì: "Cara Giulietta".
    Facitemmella chesta confidenza:
    si nun mme sbaglio era st' "Alfetta" ccà?".

    "Appunto, si,è qui da noi da un mese...
    'A puverella è stata disgraziata,
    è capitata 'nmano a un brutto arnese,
    ... Chisto nun ha saputo maie guidà.

    Io mm' 'a pigliasse cu 'e rappresentante,
    cu chilli llà che cacciano 'e ppatente;
    chiunque 'e nuie, oggi, senza cuntante,
    se piglia 'a macchinetta e se ne va".

    "Di macchine in Italia c'è abbondanza...-
    rispose sottovoce 'a puverella -
    si no che ffa... po' nce grattammo 'a panza:
    chillo ca vene ll'avimmo acchiappà".

    "Giulietta, raccontate qui al signore
    i vostri guai" - dicette 'o carro armato.
    L' "Alfetta" rispunnette a malincuore:
    "Se ci tenete, li racconterò.

    Come sapete, sono milanese,
    son figlia d'Alfa e di papà Romeo,
    per fare me papà non badò a spese;
    mi volle fare bella "come il fò".

    Infatti, mi adagiarono in vetrina,
    tutta agghindata... splendida... lucente!
    Ero un' "Alfetta" ancora signorina:
    facevo tanta gola in verità!

    Un giorno si presenta un giovanotto
    cu tanto nu paccotto 'e cambiale,
    io, puverella!, avette fà 'o fagotto,
    penzanno:Chi sa comme va a fernì!

    Si rivelò cretino, senza gusto:
    apparteneva 'a "gioventù bruciata".
    Diceva a tutti quanti: "Io sono un fusto;
    'e ffemmene cu mmico hanna cadè!".

    Senza rispetto, senza nu cuntegno...
    cambiava tutt' 'e giorne... signorina:
    ci conduceva al solito convegno...
    ... alla periferia della città.

    Chello ca cumbinava 'o giuvinotto?
    Chi maie ve lo potrebbe raccontare:
    io nn'aggio mantenute cannelotte
    'e tutte specie, 'e tutte 'e qqualità:

    la signorina di buona famiglia,
    a vedova, 'a zetella, 'a mmaretata...
    E quanno succedette 'o parapiglia,
    stavamo proprio cu una 'e chesti ccà.

    In una curva, questo gran cretino,
    volle fare un sorpasso proibito,
    di fronte a noi veniva un camioncino,
    un cozzo, svenni, e mo mme trovo ccà".

    "A nu fetente 'e chisto ce vulesse
    nu paliatone, na scassata d'osse'...
    Ma comme - dico i' po' - sò sempe 'e stesse
    ca t'hanna cumbinà sti guaie ccà?".

    "E che penzate 'e fà donna Giulietta?".
    "E ch'aggia fà? - rispose 'a puverella-
    So che domani viene una carretta,
    mme pigliano e mme portano a squaglià".

    "Giulietta... via, fatevi coraggio -
    (dicette 'o carro armato). lo ero un "Tigre",
    il popolo tremava al mio passaggio!...
    Mannaggia 'a guerra e chi 'a vulette fà!

    lo so cosa faranno del mio squaglio:
    cupierche 'e cassarole, rubinette,
    incudini, martelli, o qualche maglio,
    e na duzzina 'e fierre pe stirà"

    "lo vi capisco... sono dispiaciuto...
    ma p' 'e metalli 'a morte nun esiste;
    invece 'e n'ommo, quanno se n'è ghiuto,
    Totò (Antonio de Curtis)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso

      Preghiera del clown

      Più ho voglia di piangere e più gli uomini si divertono,
      ma non importa, io li perdono, un po' perché essi non sanno,
      un po' per amor Tuo e un po' perché hanno pagato il biglietto.
      Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene,
      rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola,
      ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura.

      C'è tanta gente che si diverte a far piangere l'umanità,
      noi dobbiamo soffrire per divertirla.
      Manda, se puoi, qualcuno su questo mondo,
      capace di far ridere me come io faccio ridere gli altri.
      Totò (Antonio de Curtis)
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di