Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Chi è ll'ommo?

Nun songo nu grand'ommo
nun songo nu scienziato.
'A scola nun sò gghiuto
nisciuno m'ha mannato.
S' i' songo intelliggente?
e m' 'o spiate a mme?
I' songo nato a Napule,
che ne pozzo sapè?!
Appartengo alla massa...
a chella folla 'e ggente
ca nun capisce proprio 'o riesto 'e niente.
Però ve pozzo dicere na cosa:
campanno notte e ghiuomo a stu paese
pur i' me sò 'mparato quacche cosa,
quaccosa ca se chiamma umanità.
Senza sapè nè leggere e nè scrivere,
da onesto cittadino anarfabbeta,
ve pozzo parlà 'ncopp' a n' argomento
ca certamente ve pò interessà: chi è ll'ommo.
Ll'ommo è nu pupazzo 'e carne
cu sango e cu cervello
ca primma 'e venì al mondo
(cioè 'ncopp' a sta terra)
madre natura, ca è sempre priviggente,
l'ha miso 'nfunno 'a ll'anema,
cusuto dint'o core, na vurzella
cu dinto tante e tante pupazzielle
che saccio: 'o mariuncello,
na strega 'e Beneviento,
nu scienziatiello atomico
cu a faccia indisponente,
nu bello Capo 'e Stato
vestuto 'a Pulcinella;
curtielle, accette, strummolo
e quacche sciabbulella.
Penzanno ca 'o pupazzo
nu juomo se fa ommo,
si se vò divertì,
chesto 'o ppò fà. E comme?
Sceglienno 'a dint' 'o mazzo
ca tene dint' 'a vurzella,
chello ca cchiù lle piace
fra tutte 'e pazzielle.
Si po' sentite 'e dicere:
"'O tale hanno arrestato!
Era uno senza scrupolo:
pazziava al peculato.
E trene nun camminano?
'A posta s'he fermata?".
Chi tene 'mmano 'o strummolo,
pazzianno s'he spassato.
'O scienziatiello atomico
ch' 'a bomba 'a tena stretta
"Madonna! - tremma 'o popolo-
E si mo chisto 'a jetta?".
Guardate che disgrazia
si 'a sciabbulella afferra
nu capo ca è lunatico:
te fa scuppià na guerra.
Senza penzà ca 'o popolo:
mamme, mugliere e figlie,
chiagneno a tante 'e lacreme.
Distrutte sò 'e famiglie!
A sti pupazze 'e carne affocaggente
l'avessame educà cu 'o manganiello,
oppure, la natura priviggente,
avess' 'a fa turnà nu Masaniello.
Ma 'e ccose no... nun cagnano
e v' 'o dich'i' 'o pecché:
nuie simme tanta pecure...
facimmo sempe "mbee".
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    La società

    "Signò m'aita scusà... i' songo 'e fore;
    'o saccio, nun capisco...sò cafone;
    però vurria sapè ched'è sta confusione?
    Sti strille, chesta gente...e chillu carruzzone.
    E chilli tre guagliuni
    miezo a lli guardie cu e fucile armate
    ca 'e porteno 'ncatena ammanettate.

    Chi songo? Tre assassini?
    Tre briganti 'e via Nova?
    Tre carnette 'e malaspina?
    Chi songo... e ch'anno fatto?".

    "Niente di tutto questo, amico caro,
    sono tre ladri, come vedi è chiaro.
    Li portano in prigione ammanettati,
    perché la Società li ha giudicati".

    "S'avettano arrubbà nu miliardo,
    che ssaccio... un patrimonio ... ".
    "Un miliardo? No, non dir sciocchezze!
    Rubaron, sì, ma delle frivolezza:
    mi pare, da una sporta, qualche mela.
    Il gioco non valeva la candela".

    "Signó m'aita scusà... i' songo 'e fora;
    lo saccio, nun capisco... sò cafone;
    e quanto l'hanno date?
    e quanto hanna scuntà?".

    "Un anno e quattro mesi, se non sbaglio.
    Infatti la facenda passò al vaglio
    d'un giudice severo e molto irato,
    perché quel furto lo trovò aggravato".

    " 'A faccia d' 'o saciccio!
    E chesto è tutto?
    Signò pe' quacche mela...
    ma ch'erano presutte?"

    "Io penso che prosciutti o non prosciutti
    la legge è legge ed è ugual per tutti.
    La Società esige la condanna,
    per chi la buona fede altrui inganna".

    "Ah sì! chesto è overo,
    è santa verità;
    la legge è legge e s'adda rispettà.
    Signò, ma spisso 'o cane mozzeca 'o stracciato.

    E quacche vota 'a legge putesse fà 'a cecata!
    E mo m'aita scusà... i' songo e fora
    e nun saccio parlà, ve l'aggio ditto già;
    ma c 'o permesso vuoste, vurria sapè chi site".

    "Ancora tu non m'hai riconosciuto?
    Ma allora tu sei un socio sprovveduto".

    "Signò, mo nun capisco...
    che vò significà?
    Sò addeventato socio?
    'E quale società?"

    "La Società Umana... quella nostra.
    Tutti apparteniamo a questa giostra.
    È Società simbolica,
    libera e democratica».

    "Ah no! Mi dispiace signor mio!
    Chello ca i' penzo 'e vuie,
    o sape sulo Ddio!
    Umano avite ditto?

    Allora nuie mannammo,
    senza penzà, 'ngalera
    a chi se more e famma?
    Chesta è na fetenzia... nun è democrazia!

    Spiegateme na cosa:
    Chi ha fatto chesti leggi scustumate,
    ca pe chi tene famma
    a pena s'è aggravata?".

    "Noi della Società demmo il mandato
    col nostro voto a qualche deputato".

    "Ma allora 'a colpa è 'a nosta?
    Nuie aimma jì, 'ngalera!
    Tenimmo 'a faccia tosta
    e la coscienza nera.

    'A famma 'o ssaje ched'è?
    'Na brutta malattia:
    da 'o fuoco a nu governo, te cagna 'a geografia,
    pò scancellà na storia, distrugge 'a munarchia.

    Pò capità 'e vedè 'ncopp' 'a na barricata,
    chill'ommo a panza chiena
    ca primma ha condannato,
    cu na scuppetta 'mmano ca spara scuppettate!".
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso

      Il fine dicitore

      "Ninì Santoro, il fine dicitore,
      maestro di eleganza e di maniere,
      il re del music-hall, il gran signore,
      debutta questa sera al Trianon".
      Guardanno 'o manifesto, chi liggeva
      penzava: certo chisto è n'artistone.
      Tenevemo st'attore? E chi 'o ssapeva!
      Stasera stessa mm' 'o vaco a ssentì.

      C' 'o tubbo, 'a caramella e nu bucchino
      d'avorio giallo, luongo miezo metro;
      un fazzoletto bianco nel taschino,
      ncuollo nu frack 'e seta blummarè

      Tutt' 'o teatro illuminato a giorno,
      na marcia trionfale comm' "Aida",
      Santoro ascette e cu na faccia 'e corne
      pareva ca diceva: "Eccomi qua!

      Mo v'aggia fa vedè chi è Santoro,
      il fine dicitore, il fantasista
      ca quanno arape 'a vocca caccia ll'oro,
      oro colato 'e primma qualità".

      'O pubblico ansioso s'aspettava:
      chi sa mo ch'esce 'a vocca a stu Santoro.
      Ma ch'era ascì... Santoro 'ncacagliava,
      faceva smorfie, zumpe e niente cchiù.

      Nun fernette nemmeno 'o riturnello
      d' 'o primmo raccuntino d'avventure,
      quann'uno arreto a me: "Santò, si bello!"
      ('Ndranghete!) E allazza nu pernacchio 'e nuvità.

      Fuie cumm'a nu signale 'e na battaglia,
      mancava poco e nce scappava 'o muorto:
      'e sische mme parevano mitraglia.
      Santoro nun putette continuà.

      "Ll'artista" se facette 'a mappatella:
      'o frack, 'o tubbo, 'o fazzuletto bianco,
      s'annascunnette pure 'a caramella.
      Dicette: "Aggio sbagliato,.. Ch'aggia fà?".

      Trent'anne so passate 'a chella sera
      che il fine dicitore fantasista
      pe fforza avette chiudere 'a carriera
      a beneficio dell'umanità.

      Aiere steva scritto into 'o giurnale che:
      "dopo varii e lunghi appostamenti
      è stato assicurato un criminale
      alla Giustizia delle Autorità".

      E chi era, neh, stu disgraziato?
      Santoro... il dicitore fantasista,
      ca, pe magnà, al furto s'era dato
      o pover'ommo pe putè campà.

      Io penso che fu l'epoca sbagliata;
      trent'anne fa tutto era n'ata cosa.
      Oggi che il nostro gusto s'è cambiato
      Santoro fosse na celebrità.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lucia Galasso

        Calannario

        Mo accumencia l'anno nuovo,
        è Jennaro, ch'alleria!
        Cu 'a speranza e 'a fantasia,
        tu te pienze ca chist'anno
        forse è cchiù meglio 'e chill'ato...
        quanno è a fine t'he sbagliato.
        A Febbraio nce sta 'o viglione:
        chi se veste d'arlecchino,
        pulcinella o colombina...
        e me fanno tanta pena
        chesti ggente cu sti facce:
        ma songh'uommene o pagliacce?!

        Quanno vene 'o mese 'e Marzo
        pure 'e ggatte fanno ammore,
        ch'aggia fa? Me guardo a lloro?
        'Mmiezo 'e grade cu 'a vicina,
        faccio un anema e curaggio
        e m'acchiappo nu passaggio.

        Comme è ddoce 'o mese Abbrile,
        tutta ll'aria è profumata!
        P' 'e ciardine quanno è 'a sera
        cu na femmena abbracciata,
        musso e musso, core e core...
        tutta smania e tutto ammore.

        Quant'è bello 'o mese 'e Maggio
        quanno schioppano sti rrose!
        Che prufumo int'a stu mese
        pe Pusiileco addiruso!
        Stongo 'nterra o 'mparaviso
        quanno tu staje 'mbraccio a mme?

        Quanno è Giugno la stagione
        vene e trase chianu chiano:
        s'ammatura pure 'o ggrano,
        s'ammatura tutte cose...
        Pure 'a femmena scuntrosa
        tu t' 'a cuoglie cu nu vaso.

        Quanno è Luglio 'mmiezo 'o mare,
        'ncopp' 'a spiaggia, 'nterra 'a rena
        mamma mia, quanta sirene!
        Io cu ll'uocchie m' 'e magnasse;
        guardo a chesta, guardo a chella,
        ma pe mme tu si 'a cchiù bella!

        Quanno è Austo che calore!
        lo nun saccio che me piglia...
        Chistu sole me scumpiglia!
        E te guardo cu passione:
        volle 'o sango dint' 'e vvene
        e nisciuno me trattene.

        È chest'aria settembrina
        ca te mette dint' 'e vvene
        tanta smania 'e vulè bbene!
        Nu suspiro, ciente vase
        mille cose e 'o desiderio
        ca st' ammore fosse serio.

        Vene Uttombre, int' 'a stu mese
        ll'aria è fresca p' 'a campagna.
        Chisto è tiempo d' 'a vennegna,
        si t'astrigne a na cumpagna
        zittu zittu dint' 'a vigna,
        nun se lagna e lass'a fà.

        Chiove, nebbia, scura notte.
        Stu Nuvembre porta 'mpietto
        nu ricordo fatto a llutto:
        nu canisto 'e crisanteme...
        chistu sciore, che tristezza,
        mette 'ncore n'amarezza!

        A Natale, 'o zampugnaro,
        'e biancale, 'e spare, 'e bbotte,
        'o presebbio a piede 'o lietto.
        Quann' è 'mpunto mezanotte
        cu mugliereta tu miette
        'o Bambino dint' 'a grotta...
        Vota la poesia: Commenta