Terrazze in collina

Dall'alto scorgiamo
Il tempo che passa
e non ci stanchiamo
di chiedere ancora,
se è tardi
a quest'ora
fermare l'istante.
Voltarci un po' indietro,
tornar sui vissuti,
già visti e goduti,
ma poi all'improvviso
spariti e perduti.
Terrazze in collina,
fiorite ancor prima
che venga stagione,
non trovan ragione,
ma sfidano il tempo
perché ancor io ti sento.
Tiziana Cocolo
Vota la poesia: Commenta

    Persa

    Persa,
    non sono diversa
    dalle tante farfalle
    che muovono l'ale,
    nel loro svelare
    di allegri balletti.
    Persa in sguardi ,
    in affetti,
    dentro grandi occhi scuri
    al di là di quei muri
    dei nostri progetti.
    Persa in discorsi perfetti
    di mezze parole,
    persa in aiuole,
    in sentieri ondulati,
    in consigli mai dati,
    in pagine lette,
    in aree protette.
    Persa di giorno
    persa di sera,
    persa per gioco
    ma in ogni maniera,
    poi ritrovata
    sul lungo cammino
    tra te e il destino.
    Tiziana Cocolo
    Vota la poesia: Commenta

      Specchi

      Specchio chiaro
      della mente
      che rifletti il mio presente,
      fai sembrare inconcludente
      ciò che è nitido e attraente.
      Ogni verso,
      ogni scrittura
      che delinea la figura,
      di misteri,
      di paure,
      di poemi
      e di avventure.
      Specchio alato
      che rifletti il mio passato,
      ciò che è fatto
      se ne è andato,
      nei sentieri seminato.
      Specchio puro
      del futuro
      dentro te non vedo scuro,
      ma la limpida certezza
      del profumo di dolcezza
      che appartiene al mio sognare,
      ma che so
      si può avverare.
      Tiziana Cocolo
      Vota la poesia: Commenta

        Foglie

        Foglie passate
        su parole bruciate:
        il sole d'autunno
        non arde il tuo cuore,
        ma dà più colore
        al verde sentire
        del tempo svanire.
        Foglie staccate
        dal ramo e partite
        ormai senza vite,
        ma tenere e dolci
        volate e rapite
        da quel passerotto
        che porta nel nido
        il cantico rotto
        del fresco che avanza.
        Foglie segnate
        da un breve sbadiglio,
        posate a formare
        un mite giaciglio
        che dona riposo,
        tepore ed affetto
        a chi ne è protetto.
        Tiziana Cocolo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di