Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Muore così un sogno fra le mani

Certe notti sono cosi amare
da spegnere ad uno ad uno le stelle
coprendo il sole con il dolore di te
Vittime di quel tempo che non passa.
Il domani è così lontano
e irraggiungibile al sorriso.
Quel tic tac così maledetto
da essere condanna
e impedire il volo di un sogno.
La nebbia delle lacrime
deposita cenere di cemento
in fondo al cuore e all'anima.
Muore così un sogno fra le mani.
Composta giovedì 29 novembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Un sogno chiamato domani

    Ho attraversato un sogno
    con in una mano la speranza
    e nell'altra il futuro.
    Ho visto l'impossibile diventare possibile
    La disperazione inchinarsi
    dinanzi la speranza
    Una lacrima con la forma di un sorriso
    La felicità prendersi il dolore
    Un bambino chiamare mamma e papà
    La pace assassinare la guerra
    La miseria dell'uomo divenire ricchezza
    L'avidità morire abbracciata alla generosità
    La vita uccidere la morte
    Il timore di oggi trasformarsi in coraggio.
    Ho donato alla mia anima
    questo folle sogno chiamato domani.
    Composta lunedì 29 ottobre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Ancora Un Giorno … Un Istante

      Rubo ancora un giorno al sogno
      alle parole spese ad ingannare
      quelle ascoltate con l'anima
      piena di domani, senza futuro.
      Alla fantasia delle promesse
      uccise dalla cruda realtà.

      Rubo ancora un istante
      ad ascoltare i silenzi
      di quello che poteva
      il rumore di quello che non è.

      Rubo ancora un domani
      un attimo, un sorriso,
      un abbraccio, un ricordo
      un fotogramma, un ti amo.
      Rubo ancora un ieri
      una melodia che riempia,
      l'illusione fantastica,
      la gioia di una promessa.

      Rubo un giorno al sogno
      prima di dire addio
      prima del dolore del nulla
      prima del vuoto di un incubo
      della condanna eterna
      di un sogno spezzato.
      Composta venerdì 30 novembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        Voglio insegnarti
        Come togliere l'amaro
        ad ogni maledetta verità
        Il valore del tic tac

        e come rendere eterno un attimo
        mentre il tempo cerca di fotterti.

        Voglio insegnarti a
        sfilare il sale alle lacrime
        un granello alla volta
        perché è possibile
        anche quando appare impossibile.

        Voglio insegnarti a
        seminare un sogno
        nel deserto del nulla
        e raccogliere le stelle
        nel cielo del domani
        proprio in quel giorno
        in cui il domani non c'è più.


        Voglio insegnarti
        a prendere il "più" di ogni poco
        renderlo infinito
        fottendo il disegno del tempo
        e tutti i suoi scarabocchi
        saziandoti di un arcobaleno
        mentre quell'attimo bastardo
        non aspetta altro che piegarti.
        Composta venerdì 2 novembre 2012
        Vota la poesia: Commenta