Poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Ti porterò con me

Ti porterò con me stanotte
e per molte altre ancora
sulla riva del mare
a raccogliere stelle,
a sgualcire il cielo
con i nostri respiri.

Fino lo sfinimento
delle parole
godrò della tua mente,
amerò la tua bocca
e ogni centimetro
del tuo volto,
del tuo cuore.

Ti terrò stretto
fino ad addormentare le stelle
per restituirti alla realtà
al sorgere di ogni alba.
Silvana Stremiz
Composta sabato 1 novembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Voglio la tua anima

    Voglio
    amarti tutto.

    Non voglio la tua carne
    l'apparenza
    o i sensi di un attimo.

    Voglio la tua anima
    il tuo cuore
    la tua mente
    essere la tua follia.

    Voglio scenderti dentro.
    Voglio sentirti dentro.
    Voglio l'immenso.

    Voglio appartenerti
    averti
    essere il tuo brivido
    dentro e fuori
    per quell'attimo folle di noi.
    Silvana Stremiz
    Composta nel 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      T' AMO

      La verità è che t'amo
      t'amo di un amore libero
      t'amo di un amore pulito
      t'amo di un amore "sporco"
      t'amo di un sogno
      t'amo di una follia
      t'amo non per il tuo domani
      t'amo non per il tuo ieri
      t'amo per questo adesso
      t'amo di passione
      quasi folle, inspiegabile.
      T'amo da rubare l'amore
      all'amore,
      a quell'amore
      che mi lasci rubare
      a te...
      ma è
      un t'amo senza impegno
      un t'amo folle di te,
      è un t'amo che vuole tutto
      che non vuole niente
      che ci permette di andare
      di tornare
      di prenderci
      di lasciarci
      di perderci e ritrovarci
      di possederci
      di amarci senza promesse
      né inganni.
      E se smetterà di essere t'amo
      sarai sempre un pezzo di cuore.
      Silvana Stremiz
      Composta nel dicembre 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        In riva al nostro mare

        Stanotte mi sono seduta in riva
        al nostro mare
        a contare i granelli di sabbia
        con gli occhi aperti
        e il cuore spalancato sulla realtà
        dando il giusto peso al "sei".

        Ci sono stata mille volte
        ad occhi chiusi
        con le tasche piene di stelle
        a seminare "desideri"
        con cuore colmo
        del tutto e niente che componi
        a sognare ad occhi aperti
        mano nella mano abbracciati al silenzio
        delle mute parole
        a guardare le nubi che si rincorrono
        diventando draghi e angeli
        draghi dalla bocca fiammeggiante
        come fiammeggiante è la passione.

        Arrotolati nella sabbia
        con il sapore della tua pelle
        sulle mie labbra
        dove tutto è accaduto
        senza che nulla sia stato.

        Un battito improvviso
        scrive l'impossibile
        e la realtà la si confonde
        la notte ruba al giorno
        tutto l'amore che può
        per restituire all'alba
        il giusto senso del "sei".
        Silvana Stremiz
        Composta giovedì 1 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Ora... prima che...

          Siediti qui con me
          ancora un po'
          sul bordo di una nuvola,
          tienimi per mano
          per il tempo che rimane.

          Scriviamo una favola
          su misura
          che parli di Te
          che parli di Me
          che parli di Noi
          da raccontare ai figli
          che verranno.

          Ho bisogno di ricordi
          di memorie, di sorrisi
          di Natali ed aquiloni
          di una corsa in bici
          di quegli abiti cuciti
          di un abbraccio.

          Raccontami Mamma
          quella favola ancora
          mai raccontata,
          inventane una da portare
          con Te e da lasciare a Me
          per affrontare meglio
          il grande freddo
          della separazione.

          Ora...
          Prima che si spalanchi
          la porta dell'eternità.
          Silvana Stremiz
          Composta sabato 8 novembre 2014
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di