Questo sito contribuisce alla audience di

Donna veleno

Donna veleno
aveva un sogno,
ma un fottuto bastardo
mentre lei era in volo,
sparò le sue ali...
Violento fu l'impatto con la realtà.
Ma poi lei aprì gli occhi
solo poche mani
la purificarono dal fango.
Un giorno lei si alzò...
Si innamorò ancora più forte!
Si innamorò della solitudine,
si innamorò degli alberi,
e del canto degli uccelli.
E si innamorò dell'amore.
Ebbe ancora il coraggio
ancora una volta
di amare l'amore.
Poi lei prese la sua spada
cominciò a squarciare gli ostacoli,
sanguinando,
tracciò la sua evoluzione.
Lei
si voltò indietro
e scoprì
che la sua ombra
era svanita.
Vota la poesia: Commenta

    Viaggio nell'inconscio

    So che ci sono immagini
    che non si posso svelare.
    So che ci sono
    oltre la barriera
    dei sensi,
    nel afasia
    e nell'immobilità del corpo.

    Un viaggio parallelo,
    uno stato di inconscio,
    più evoluto.
    Mi racconta
    il potere dell'anima.
    Oltrepassa il sogno,
    prende forma
    una luce abbagliante,
    fa divenire immateriale
    ogni atomo.
    E riapro gli occhi
    per fame.
    Vota la poesia: Commenta

      Arriverai

      Non ho nessuno
      ma è come se sentissi
      cadermi addosso anime tristi.
      Ho una valigia vuota
      d'avanti alla porta...
      e non me ne ero accorta
      che stesse aspettando me
      perché lei
      attendeva me.

      Nel pomeriggio ho incontrato
      il mare
      mentre il cielo stava per abbrunare
      e il vento tirava le sue labbra
      e mi parlava d'immenso.

      Con gli occhi lucidi
      e i piedi di sabbia
      ti ho scritto ancora
      ho scritto ancora a te...
      ho ideato il tuo nome
      quando giungerai
      mi porterai
      nel tuo arcobaleno.
      Vota la poesia: Commenta

        Ore

        Ho un cuore
        si sveglia di notte
        urla il tuo nome
        ancora
        ancora non sa perdonarsi
        ancora
        perché gli fa male
        questo vuoto
        che lo inghiotte dentro
        questo labirinto di sgomento
        è un incubo
        che torna puntuale
        la paura
        che ha gettato la maschera
        e rivela il
        suo vero volto.
        Non so più sentire
        se non smetti di urlare
        non so più raccontarmi
        se cancelli il silenzio
        se la strada che tu cuore mi mostri
        è quella dell errore.
        Vota la poesia: Commenta

          Tuesday

          Vorrei ricordare ultimamente bisogno
          di esistere
          tra i sogni di un uomo
          e sentirmi importante.
          Invece
          tra le castagne
          e le bricciole sulla tavola
          mi uccido
          in conversazione con la noia
          mangio il silenzio.
          Poi penso
          a quante volte
          ti sei detto "domani domani domani",
          poi il tempo cambia
          nanna tu indossi
          sempre lo stesso vestito
          addosso
          e mi dici
          che prima i poi
          tornerà di moda.
          Vota la poesia: Commenta