Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Pierluigi Camilli

Vorei véde

Vorei vede, ch'ancora nun ho visto,
un'omo che davero abbi pazzienza
da sopportà, in segno de sapienza,
er suo vicino senza acciaccapisto.
Vorei vede, ch'ancora nun ho visto,
che chi cià tutto e nun j'amanca gnente,
distribbuì quarcosa all'antra gente
che pè campà s'appella ar gesucristo.
Vorei vede, ch'ancora nun ho visto,
quer Dio che tutti dicheno ch'è bbono,
eppoi c'è l'odio verso er sanguemisto.
Vorei vede, ch'ancora nun ho visto,
quer deusomnium che dar proprio "trono"
continua a crocefigge Gesucristo!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    La rosa finta

    La rosa che un giorno t'ho donato,
    l'ho rivista insieme a qualche fiore:
    nel rivederla sul tavolo, ho provato
    un tonfo di letizia dentro il core!
    Non l'hai buttato via il nostro fiore!?
    L'hai tenuto riposto: ma perché?
    Vuoi farmi capir che in te l'amore
    È ancora vivo, come lo è in me?
    La rosa che t'ho dato non è vera,
    ma è bella, forse più se mai lo fosse.
    Io t'ho dato una rosa finta,
    perché giammai doveva scomparir:
    infatti l'ho rivista, bella, linda,
    sul tavolino facendomi soffrir!
    Mi ha fatto male, sì, perché la rosa
    è rimasta nel tempo come era;
    l'amore tuo, effimero, è una cosa
    come te: rimasto m'è chimera!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      A pasticca nova

      Sappissi, Arià, jeri sa che hò léttu!
      Che se l'ésse pututu lègge prima,
      l'arrèmmo missu sopr'u giornaléttu
      e guadagnèmmo'n'ara po' de stima!
      Hò lettu ch'hau'nventata'na pasticca
      che resana'e ruttuture de capoccia:
      je refà l'ossa e quanno che je cricca,
      'a llarga come fosse'na saccoccia!
      Ce penzi sa che cósa grandiosa?
      Ce penzi a'stu fattu quant'è bellu?
      Ma quantu sarria più portentosa,
      se rallargasse pure u cerevellu
      a quella ggente sciapa e fastidiosa?
      È'nsugnu che me faccio da monellu!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        'A fronte jarda

        Ho sempre'ntisu a ggente:
        -Unu coa fronte jarda
        è sempre'ntiligente-
        Un'idea gajarda!
        Allora ho penzatu
        (no ppè ffà u sapiente)
        ma unu ch'è pelatu,
        secondo stu quoziente,
        ha da esse scienziatu!
        'Sta cósa è de confórtu,
        me l'hò quaci sposata,
        da quanno me so ccórtu,
        vedennome nnù specchiu
        ch'a fronte è diventata
        jarda più d'un tinócchiu!
        Vota la poesia: Commenta