Scritta da: Nello Maruca

Cxvii

Così com'arduo è ritrovare l'ago
nel pagliaio in tale misura puranco
agevole pare che non sia manco
rincontrare beltà per quanto vago.

Tanti festeggiamenti: Io non svago
che tutto dì e notte intera arranco
per strade, vie, viuzze e, pure stanco
l'andare mio avanza da girovago.

Ad ogni bancarella faccio sosta,
chiedo di beltà, se mai fosse accosta,
spiego fattezze: No, è la risposta.

Tornomi indietro col mio occhio veglio,
più la ricerco più trovar la voglio,
più il tempo passa più ricerca doglio.
Nello Maruca
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nello Maruca

    CXVI

    Se il caso fosse tangibile realtà
    sarebbe, esso, autore dell'incontro;
    ma essendo impalpabile, di contro,
    in altro alto Loco la veritate stà.

    Lesta passam'innanzi bionda beltà
    e lo suo guardo nel mio cuore è centro
    e imbrigliato il mio nel suo è dentro
    e anchilosato lo mio corpo stà.

    Qual fulmine ch'appare, colpisce, spare
    così quella beltà passa e s'invola
    e nella marea di folla si scompare.

    Ancora lo mio corpo rest'immoto,
    sol lo mio senno or s'è sveglio e vola
    nel buio, a inseguir lo biond'ignoto.
    Nello Maruca
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nello Maruca

      CXV

      Perciò pure noi saremo all'abitato
      a seguir da presso festeggiamenti
      che del Patrono sono buon'eventi
      dacché è degnamente celebrato.

      Lasceremo 'n agosto 'l caseggiato,
      l'orto, li prati, l'asino e gl'armenti
      che a custodir saranno esperti aiutanti,
      noi riacquisteremo perduto fiato.

      Ancora tre giorni all'appuntamento,
      tempo per donare suggerimenti
      pure se superfluo è nostr'intervento.

      Buon'aiutanti vivono d'esperienza
      e, d'altronde, sono due buon'elementi
      ch'anno agir cortese e riconoscenza.
      Nello Maruca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nello Maruca

        CXIV

        Il meglio dei mesi è l'agostano
        ch'altro tempo dell'anno non uguaglia
        che Santo Rocco nella fitta maglia
        tutti e trentuno stretti tiene in mano.

        Il primo dì comincia il gran baccano
        che gente d'ogni loco a noi convoglia
        e di persone e cose è parapiglia
        ché scampanate portan da lontano.

        Nessuno del villaggio penserebbe
        starsene lontano volutamente
        ch'anzi chi per necessità distante sta

        a Santo Rocco mai torto farebbe
        di starsene partito, ancor costà
        ch'allor l'anima sarebbe penitente.
        Nello Maruca
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Nello Maruca

          CXIII

          Iddio l'Onnipotente che in Cielo
          dimora all'augelletto non disdegna
          amore e lo beato Suo guardo degna
          puranco chi d'amore tiene disgelo.

          Se di cotanto affanno è tutto un velo
          e tutto tiene in pugno e solo regna,
          che tutto Lui soltanto opra e ingegna
          e forma monte e piano, acqua e gelo

          come vuoi tu, o donna, che non veda
          lo languore calato entro lo core!?
          Come pensare tu puoi che non ceda

          a sincer prece d'anima sincera?
          Sendo dolcezza, bene e tant'amore
          già desiderio posa entro Sua sfera.
          Nello Maruca
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di