Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Mena Lamb

Insegnante di educazione fisica, nato giovedì 16 ottobre 1958 a Salerno (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

E ho guardato nei tuoi occhi e ci ho visto più di quanto volessi
Non è stato un semplice guardarsi, mi sei entrata nell'anima, in un attimo mi hai cambiata
In quel primo timido sorriso ho letto più di quanto tu volessi farmi capire
Hai invaso i miei pensieri trasformando i miei silenzi in un dialogo, riempiendo i miei vuoti con un fiume di emozioni, scivolando leggera dentro i miei confini
Ho sentito il mio cuore ridere felice la mia mente aprirsi al tuo fresco tocco
Hai in un attimo rimescolato le carte della mia vita per insegnarmi che una partita in due ha più gusto, colore, profumo, che passare la mano non sempre ci evita il dolore, a volte lo pospone solo cogliendoci impreparati allora tanto vale prenderseli quei momenti!
Composta lunedì 16 maggio 2011
Vota la poesia: Commenta

    Ladro d'anima

    E sei entrato dentro me
    prepotentemente ed egoisticamente
    hai preso ciò che volevi
    e con lo stesso egoismo
    in un attimo hai gettato via tutto!
    Hai vinto,
    con il tuo silenzio
    le tue parole odiose
    le tue espressioni ormai impersonali
    la tua paura di confronto
    Tu che eri parte di me
    hai sgretolato un mondo, quel mondo che credevo puro, vero,
    il mondo che tu mi dicevi bello e io credevo bello perché c'eri tu con me!
    hai ucciso in me la voglia di vivere
    mi hai lasciata senza fiato, senza parole, sola con la devastazione dentro, intorno
    hai lasciato che tutto svanisse facendomi annegare nell'immensità del nulla!
    Maledetti silenzi che ti fanno vivere nell'ombra tutto quello in cui credi e vuoi!
    Composta lunedì 23 maggio 2011
    Vota la poesia: Commenta

      Non va mai via

      E ci sono cose che non vanno mai via
      il suono della tua voce nelle mie orecchie
      quelle parole così dolci allora oggi rumore che ferisce
      Fa male il ricordo che graffia ancora il cuore per quella tenerezza di cui erano intrise
      quel tuo volto così caro di cui ieri coglievo ogni sfumatura
      ridotto ad una miscellanea di confusi colori che fanno male agli occhi
      E il silenzio, immenso assordante silenzio che ha invaso ogni mia cellula
      che ha devastato l'armonia dei miei suoni
      Ma quel tempo che ci è appartenuto ora non è più tuo, non più mio
      è un tempo che mi vede sospesa come su una nuvola
      quella fragile, trasparente nuvola, dove forse già alloggiava il nostro amore pronto a precipitare.
      Composta lunedì 23 maggio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Non lo dimenticherai il mio volto
        non dimenticherai le mie lacrime
        versate per la tua superficialità
        non dimenticherai il mio amore
        puro e intatto come il primo giorno
        non dimenticherai che siamo stati insieme
        è una parte del tuo passato
        quello non lo puoi proprio cancellare
        come hai spento i miei sorrisi,
        svilito le mie emozioni,
        rubato i miei momenti importanti!
        Composta lunedì 23 maggio 2011
        Vota la poesia: Commenta

          Innamorata

          Respiro piano piano per risentire quei tuoi respiri dentro me
          Che come soffio di vento accarezzano la mia pelle
          Annuso silenziosamente l'aria per ritrovare quel tuo profumo
          Che come fiore delicato delizia la mia mente
          Chiudo gli occhi dolcemente per ripassare nella mente i contorni del tuo volto
          Come un pittore che ritorna col pennello su tratti già dipinti per rafforzarne i toni
          Ripercorro attimi di noi, attimi di gioia di un tempo che va oltre il tempo
          Di una distanza che annulla tutte le distanze
          Di un te e un me che diventa un noi
          Di un non chiedersi se e ma
          Di un lasciare spazi aperti con la voglia di colmarli
          Di far nascere ogni volta un nuovo inizio
          Senza voltarsi indietro a cercare il già vissuto.
          Composta giovedì 26 maggio 2011
          Vota la poesia: Commenta