Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Melina Altieri

Mio Padre

Frammenti di vita vissuta,
frammenti di vita perduta.
Reconditi ricordi, paure sepolte!...
Risalgono nella mente,
il tempo, niente ha cancellato!...
Gli anni passati in un grande silenzio
di ombre lontane, a volte vicine!...
Ricordo mio padre, un uomo piccino,
di bassa statura, ma di animo puro!
Un grande studioso, uomo parsimonioso!...
severo con tutti nella sua "regalità"...
Era un uomo con tante qualità!...
Mi voleva un gran bene
ma ciò, non alleviava le sue pene!...
Cercava sempre la sua bambina
appena si svegliava la mattina...
Ritornava a sera, mi dava un bacione
stringendomial suo petto con amore!...
Mi riempiva di cose belle
come tante caramelle.
Poi la vita l'ha portato via
e, non cè più stata la sua compagnia.
Ricordo quei frammenti!
Carp padre t'ho conosciuto poco
ma, l'amore che mi hai dato
è un frammento che è "durato"! ...

Tua figlia.
Composta mercoledì 8 giugno 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Melina Altieri

    Vita frenetica

    La gente oggi è "frenesia"
    va di fretta per la via,
    fare la spesa è un impresa.
    Anche lì c'è l'arrivismo
    si lotta con grande egoismo,
    si lotta a tutto spiano...
    non c'è rispetto per chi va piano!...
    c'è sempre folla in salumeria,
    la cosa non cambia in macelleria,
    chi arriva prima prende il posto
    che di sicuro non è predisposto!...
    Per l'ufficio postale
    la fila enorme devi fare,
    poco importa le condizioni,
    le invalidità, le cattive opzioni!...
    Devi tutto sopportare e,
    con pazienza superare.
    Con fatica e con dolore
    sogni la casa e il suo calore!...
    Si potrebbe vendere la "frenesia",
    se si mette un po' di fantasia,
    sarebbe un grande investimento
    spontaneo e, senza sfruttamento!
    Composta mercoledì 8 giugno 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Melina Altieri
      Toc... toc... Sento bussare,
      è il dolore che vuole entrare,
      con una cartilaggine
      mi proteggo dalla tua immagine...

      Dal tuo ricordo
      che mai più scordo,
      sei andata via all'improvviso
      lasciando solo pianto sul mio viso!...

      Toc... toc... è inutile bussare,
      il dolore non deve entrare...
      Non voglio soffrire,
      perché non posso morire!...

      Non adesso... Perlomeno!
      Non posso venir meno,
      devo dare ancora tanto amore,
      perché sono un genitore!...

      Toc... toc... mille volte hai bussato,
      alla fine sei entrato!
      Butto via la cartilaggine
      e, tengo stretta la tua immagine!

      Non potrò mai dimenticare
      tutto l'amore che hai saputo dare!...

      Io... quel giorno ti ho cercata!...
      Ma, il dottore disse:...
      -Mi dispiace... Se né andata!... -

      c'è un vuoto nel mio cuore
      dove c'è nascosto il mio amore,
      "Mamma" ", cordone ombelicale
      che nessuno sa spiegare!...

      Gramdezza del nostro" Signore ",
      che è stato il" Creatore".
      Voglio pensarti al Suo fianco
      col viso sereno e, non più stanco!...
      Composta giovedì 2 giugno 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Melina Altieri

        Forse

        Lontano con gli occhi della mente,
        avvolta in un limbo evanescente
        mi vieni incontro sorridendo...
        Mi abbracci, forse sto sognando!...
        Ti guardo con amore,
        ritorno al mio dolore...
        Mi chiedo dove sei, cosa fai?...
        Un giorno verrò dove tu sarai...
        Ti darò tutto l'amore del mondo,
        ti chiederò perdono dal più profondo!...
        Cosa posso fare per chetare l'anima,
        solo la notte sogno te, e sono in compagnia!...
        Poterti parlare, poterti accarezzare...
        Sarebbe troppo bello sperare!
        Ricordo i tuoi capelli bianchi,
        Un velo triste sui tuoi occhi stanchi...
        Che dolce poesia è la parola Mamma...
        Non c'è più pace nella vita mia,
        cerco te in ogni angolo, in ogni via...
        Forse in un limbo evanescente troverò la fiamma
        col dolce nome di "Mamma"...

        Senza titolo

        Perché devo lasciarti
        perché devo perderti!
        Quale malefica sorte
        mi porta verso la morte?...
        Composta domenica 29 maggio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Melina Altieri
          L'affitto
          l'affitto di una casa
          è ben poca cosa
          di fronte ad una realtà
          molto triste in verità!...
          Una nonna in affitto
          è di sicuro un buon profitto!...
          Va sfruttato all'infinito
          fino a che non è finito!...
          i genitori a lavorare
          e c'è il nipotino da guardare!...
          Alla fine della serata
          sei morta e già scannata...
          Per te non c'è riconoscenza,
          mentre hai sempre tanta pazienza,
          a giocare col bambino
          anche se è il tuo nipotino!
          Passa in fretta la giornata...
          Nonna, è pronta la poppata?...
          è la voce del padrone
          che mi sveglia dal torpore!...
          e, mi accorgo con rimpianto
          di aver perso sempre tanto!...
          Far la nonna a tempo pieno
          con l'amore grande e vero!...

          Riflessione

          Il presente non mi interessa
          perché non sono più la stessas!...
          Il futuro mi fa paura
          perché non mi sento sicura!...
          Il passato mi fa sognare,
          solo così riesco ad amare:.
          Composta domenica 29 maggio 2011
          Vota la poesia: Commenta