Questo sito contribuisce alla audience di

Molto molto di più serve
non arrivi ancora al cuore
non sei e non ti serve cambiare
cieco silenzio
sento i passi della tua velocità ma non scappi
sento il peso dei tuoi pensieri ma non sarò
ciò che la tua sete desidera
starò con ciò che il mio tempo assidera
i cammelli nel deserto
sotto il sole il mio cuore
cento passi e scorgo un oasi
forse lì potrò dissetarmi
forse morirò senza sete.
Composta giovedì 8 agosto 2002
Vota la poesia: Commenta