Scritta da: Catone appassito

Bettina

Lampione addo se mòvene
falene inutilmente:
quanno te tengo mente,
me sento sulo.

Puntone addo ero sòlito
ncuntrarme ccu Bettina,
me pare, stammatina,
cchiù sulitario.

Balcone addo nun sònene
cchiù 'e rrise cristalline...
a tutto vene 'a fine...
Pure p"ammore.

Lampione dove si muovono
falene inutilmente:
quando ti guardo
mi sento solo.

Luogo dove ero solito
i9ncontrarmi con Bettina,
mi appari, questa mattina,
più solitario.

Balcone dove non suonano
più le risa cristalline...
Per ogni cosa viene la fine...
anche per l'amore...
Mario Galasso
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Catone appassito

    Matenata

    Matenata, chin "e suonne
    jì me sceto e sto durmenno:
    sento 'auciello 'int'a' cajola,
    sento 'addore d" o ccafé.

    M'arrevoglio 'int "e ccuperte
    c" a speranza 'e nun senti,
    ma 'o canario, dispettuso,
    iza 'a voce e fa "Bonnì!"...


    Mattinata, pieno di sonno
    mi sveglio, ma sto ancora dormendo:
    sento l'uccello che canta nella gabbia,
    percepisco l'odore del caffé.

    Mi avvolgo nelle coperte
    per tenere fuori questi rumori,
    ma il canarino, dispettoso,
    alza la voce e mi dà il buongiorno.
    Mario Galasso
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Catone appassito

      Luna maleziosa (Luna Maliziosa)

      Oj Luna Maleziosa, ca me guarde
      facenne ll'occhiolino si me vide
      strignuto a 'na guagliona ccu riguardo
      e po', sfacciatamente, piglie e ride.

      Dimme. Chedd'è? Pe' niente si' gelosa
      'e chesta ca me vasa a' faccia toja?

      E' pazza 'e mme, me piace e cchiù m''a stregno
      e nun me curo 'e tte né d' 'o cuntegno.


      Oh, Luna Maliziosa, che mi guardi
      facendomi l'occhietto se mi vedi
      stretto teneramente ad una ragazza
      ed in modo sfacciato ti fai una risata,

      Dimmi. Cosa c'è? Per caso sei gelosa
      di costei che mi bacia, fregandosene di te?

      È pazza di me, mi piace, e la stringo forte
      e non mi curo di te né delle convenzioni.
      Mario Galasso
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Catone appassito

        Rivelazione

        'Ntanata dinte a 'n'àngolo,
        quase abbattuta, stracqua,
        ccu 'e llàcreme ca scénnene
        tanto ca pare acqua -
        senza riserbo o scuorno,
        m'allucche: "Tiene 'e ccorne!"


        Rintanata in un angolo,
        molto provata, disfatta,
        con le lacrime che versi
        così abbondantemente da sembrare acqua -
        senza riserbo o vergogna
        mi gridi: "Sei un cornuto!"
        Mario Galasso
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di