Poesie di Maria Teresa Manta

Scrittore, nato domenica 10 ottobre 1948 a Aradeo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: MARIA TERESA
Voglio andarmene di notte, in silenzio
accarezzando le mie nostalgie,
stretta ai ricordi, gridando,
coi miei muti silenzi:
ti voglio bene, la tua mamma per sempre!
Voglio andarmene stringendoti al petto,
immagine fissa in me, forte di acquerelli,
cavalcando i miei pensieri,
serrate le labbra sul nome che amo
di te, figlio adorato e assente.
Voglio andarmene mestamente,
senza dare disturbo alcuno,
nascostamente, in punta di piedi,
cercandoti nel buio dei miei passi
che risuonano dei tuoi nel viale
che ti appartenne,
mute le labbra che baciano il tuo nome,
cristalli gelidi che rigano le guance
e arrossano gli occhi offuscati da un pianto
che nulla frena, nulla nasconde.
Voglio andarmene stringendoti al petto,
asciugando il tuo pianto
quando partisti, promettendomi amore
e più non sei tornato...
Voglio andarmene, quando tutto di me ti attende,
tenendovi entrambi per mano
e coi miei occhi, in un ultimo sorriso vitale,
gridarvi quanto v'amo!
Maria Teresa Manta
Composta mercoledì 30 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: MARIA TERESA
    Guarda, figlio, qual pianto negli occhi
    e com'è forte il battito del cuore,
    al sol pensarti
    e le mie mani che tremano
    accarezzandoti, fredda carta
    di foto che il tempo ha scolorito.
    Poi c'è la strada che tu percorrevi,
    venendo in casa dal viale,
    scandendo i tuoi passi
    al battito del mio cuore...
    Com'è vuoto e silenzioso
    ora, quel viale
    privo del tuo camminare,
    del tuo venire, del tuo andare,
    orme che la pioggia cancella
    ma ferme in me,
    fissate nella mente, nel cuore,
    negli occhi, nel mio dolore...
    Le tue parole risuonano nel vento,
    nel turbinio dei miei ricordi vivi,
    le tue parole ora, mi son dentro
    come radici di quercia fisse al suolo
    a tenerlo saldo, a non farlo franare
    "tvb, mamma, il tuo figlio, per sempre!"
    Maria Teresa Manta
    Composta giovedì 31 marzo 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: MARIA TERESA

      Comma a na canaria

      Comma na barca me ne vaco u mare
      senza vientu,
      calme s'ho l'uonne
      e issu è piatto comm'à na coperta
      stesa subbr'a u muorto
      ca se n'è gghiutu solo
      e ritto e freddo staie stisu dint'à cassa
      miezzu a tant'uommane
      ca lacrime nunn'hannu...
      I nu saccio chi sò
      nu m'emporta a sapè
      si u ssole, u mare, u cielo ce stanno
      e che ce stanno a ffà,
      io sò sola
      e me ne vacopò mmare piatto
      de chista vita mia, sola
      comm'à a na canaria ca canta pe ssè sola
      e se ne va po' ccielo nero, azzurro,
      cò è nnuvole o ssereno,
      ca nulla se n'emporta,
      issa ttiene chiusa a porta
      e vola vascia
      e camina e canta
      pe ssè sola!
      Maria Teresa Manta
      Composta domenica 31 luglio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: MARIA TERESA

        Paura

        ... e corre a te il mio pensiero
        mentre aspetti un aiuto negato
        e stringi forte quella piccola mano...
        E corre a te il mio pensiero
        mentre gridi in silenzi spettrali
        e speri ancora...
        E corre a te il mio pensiero
        mentre inabissi la speranza
        e stringi al petto il suo
        corpicino...
        E corre a te il mio pensiero
        mentre, nel buio profondo del mare,
        speri ancora...
        E corre a te il mio pensiero
        che sprofondi nel buio della fine
        dei sogni, dei desideri, delle speranze
        e ti mescoli al silenzio dell'abisso
        che a te ha tolto la vita,
        che ti culla, dondolando il tuo corpo
        nella sua prigione mortale
        che taglia il filo alla vita che sognavi,
        che speravi!
        Maria Teresa Manta
        Composta sabato 31 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: MARIA TERESA

          Vento di primavera (Per non dimenticare)

          Tutto ti han tolto, anche la dignità
          del tuo essere uomo come loro,
          come chi ti strappava le carni
          per ridurti ad osso consunto,
          a scarno resto irriconoscibile,
          parvenza di ciò che eri,
          ch'eri stato.
          Tutto ti han tolto, misero resto,
          carneficina folle della pazzia
          di un mostro, regno di mostri
          uniti solo dall'odio incomprensibile,
          inspiegabile...
          Tutto ti han tolto mentre inseguivi
          i tuoi sogni di libertà
          e guardavi oltre il filo spinato
          dove finiva la tua agonia
          e tu respiravi venti di primavera,
          la primavera che a te han tolto
          consumandoti il corpo, lacerandoti
          il cuore, accecando i tuoi occhi
          nei fumi del gas che ti strappava
          l'ultimo anelito vitale
          e uccideva il tuo sogno
          di libertà
          ma tu eri già fuori, eri oltre,
          volavi oltre il male e il dolore
          tu ormai eri vento di primavera!
          Maria Teresa Manta
          Composta giovedì 26 gennaio 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di