Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Manuela Lucchesi

Mamma, nato martedì 7 luglio 1959 a Massarosa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Manuela L.
Attraverso la notte,
fra sentieri di stelle
e ali di farfalle;
disegno i miei occhi,
fra profumo d'incensi
e timide fiammelle di candele.
A cavallo fra innocenza
e desideri bagnati,
ascolto la voglia di te.

Prendimi con i tuoi occhi,
incantami con la tua voce,
legami con le tue braccia,
divorami con le tue labbra
afferra i miei capelli,
se vuoi, mentre sospiri
e poi stringimi, guardami
mentre grido il tuo nome
e muoio fra le tue braccia.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Manuela L.

    Canto

    Canto di un mondo senza tempo
    ove ombre di draghi,
    simili ad immense nubi,
    si disegnan sull'erba.
    Ove dolci canti escon
    da misteriose bocche
    e si mischian a rumor
    di ferro e di battaglia

    Canto di un mondo perduto,
    ove silenzio e tenebre
    accolgono i viandanti;
    non v'è dimora, solo sepolcri e cripte
    e cinta d'odio e di rovina
    cammino nel fischio del vento

    Canto di un mondo oscuro,
    ove non c'è perdono,
    Ove la luna illumina
    bianche montagne d'ossa.
    Un mondo morto,
    ove la morte è vita
    e oceani di sangue
    nutrono l'arida terra.

    Canto mentre l'anima tace,
    ad ascoltar le grida.
    Canto senza voce, senza dolore o pianto
    senza rimorsi o paura
    canto il silenzio, il terrore e i lamenti
    la morte e l'odio, l'orrore e l'inferno.
    Composta domenica 30 novembre 2003
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Manuela L.

      Silence

      Non ho più speranze e sogni,
      non ho più ore felici,
      vomitata dalla bocca dell'inferno
      solo per essere inghiottita di nuovo;

      ho calato il sipario sulle mie illusioni
      e adesso... fate silenzio...
      voglio solo ascoltare il silenzio,
      niente altro che un silenzio distante;

      sfogliare la memoria come fosse un fiore
      e perderne i petali nel buio della follia;
      adesso... che rimanga solo il silenzio,
      perché null'altro che il silenzio è rimasto.
      Vota la poesia: Commenta