Scritta da: Luigi Totaro
Quando alle prime luci del mattino
il cielo è nero per un temporale
mi piace venirti accanto più vicino:
viso a viso su un unico guanciale
Mescolare gli assonnati battiti del cuore
col picchiettio della pioggia alla vetrata
Sentire il tuo corpo che mi da calore
in una stretta e tenera abbracciata
Vederti riprender vita piano piano
aprire gli occhietti belli sul cuscino...
Il temporale è passato e ormai lontano
Risplende nel cielo la luce del mattino.
Luigi Totaro
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Totaro
    Quando mi sposai, quarant'anni fa,
    ero giovane: non m'intimoriva niente
    Pieno d'entusiasmo, un poco prepotente
    Non mancava nemmeno un po' di vanità
    Con gli anni e la famiglia maturai:
    meno entusiasmo, più ponderazione
    Ebbi successo nella professione
    Una seconda persona diventai
    Or che ho raggiunto una certa età,
    da poco anche con un male invalidante
    che mi rende a volte anche scocciante
    sto vivendo la mia terza identità
    Quando chiesi a mia moglie, pourparler,
    "nell'arco della vita insiem passata
    quale delle tre è stata la più amata?"
    la risposta fu: in modo uguale tutte tre
    Il perché? Nemmeno lei lo sa
    Sarà arteriosclerosi oppure... santità?
    Luigi Totaro
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Totaro
      Su una scacchiera non sempre ben spartita
      tra eccitanti piaceri e immancabili dolori
      tra pesanti ombre e splendidi colori
      si gioca l'avvincente partita della vita
      Le pedine in gioco siamo sempre noi
      -ciascuno mosso dalla propria sorte -
      L'implacabile Signore della Morte
      ci aspetta tutti negli spogliatoi
      Perciò rivolgo a te Signore della Vita
      questa accorata e fervida preghiera:
      Se dovessi finire su una casella nera
      non prolungarmi di molto la partita
      Ti prego ascolta queste mie ultime parole:
      nel momento del trapasso splenda il sole!
      Luigi Totaro
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Totaro

        A papà

        Da nu poco 'e tiemp'....da che stongo malato
        me capita 'nnanz'a 'lluocchie de vedè  papà
        Vorrà dicere qualcosa? tene nu significato?
        A chi o vaco a chierere? chi  'o 'ssa?

        Appare ... me guarda ...ma non dice niente
        Vuoi dicere  qualcosa? e dimmela  papà
        Quann potevamo parlà liberamente
        nun l'avimm fatto ...sbagliann'... e ch'amma fà

        Quanto vurria mò parlà  cu tico
        Vurria ca tu me putessi cunziglià
        Nun l'ho detto allora ma mo t'ho dico:
        T'ho voluto e te voglio bbene!... Papà
        Luigi Totaro
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luigi Totaro

          Maggio

          Comm' so belle ' e matenate a maggio :
          nu venticiello 'e primmavera malandrino  
          accarezza 'e rrose e i sciori int'o ciardino
          riva riva o mare na barca già veleggia

          'O mare "ncrespatello "pe la brezza
          lento va vers'e scogli  a la marina
          je da nu vaso,fa un po' d'ammuina
          poi se jetta 'ncopp 'a sabbia e l'accarezza

          'O cielo sfumma int 'o celeste chiaro
          A terra co'o primmo sole fa'a sciantosa
          L'evera'a matina ca rugiada è 'nfosa
          Tira 'a rezza e canta 'o marenaro

          Comm' so 'ddoce 'e nuttate a maggio
          'O scuro dura poco… ma so troppo belle
          'o cielo mette 'o manto trapuntato 'e stelle
          e co mare se vasa e……amoreggia

          'A luna  stenne na fascia argiento fina
          Na varchetella ce scivola arint'  doce doce
          Tutto è silenzio ! Se sente cantà sulo na voce:
          è 'o marenaro ca pensa all'ammore…alla matina

          Quant'è bello chistu mese 'e maggio!
          Schioppan'e rrose,maturano 'e cerase
          S'arapeno 'e feneste e 'o sole trase
          e porta dell'està o primm'assaggio
          Luigi Totaro
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di