Scritta da: Luigi Totaro
E quann a mort verrà...
nun è ciertamante sulo per l'età
ma e malatie cu mmico so state fetiente
posso fa assai poco... quasi niente
tranne che scrivere sti quartine quà
ed io tutta a journata faccio chisto
scrivo e leggo e poi leggo e scrivo
insomma faccio finta ca so vivo
grazie a muglierema e a giesucristo
e quann'a morte mi dirà: "ohinè
vide 'e spicciarti ca ce n'amma jì
"-nu mumento st'urdema quartina aggià finì
e doppo so libberò e posso venì cu ttè".
Luigi Totaro
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Totaro
    Ho conosciuto una donna eccezionale.
    La vita è un'affaciata de fenesta?
    Non importa è sempre una festa
    e va vissuta in modo originale
    Trascorreva le feste in compagnia
    dei familiari e dei suoi tanti amici
    i suoi giorni erano semplici ma felici
    sapeva apprezzare della vita la poesia
    Quando le dissero che l'affaciata era finita
    e che andava chiusa la fenesta
    volle organizzare come una festa
    l'addio alla famiglia, agli amici ed alla vita
    Volle un lungo corteo ma appiedato
    per accompagnarla nell'ultimo viaggio
    A Dio chiese ci fosse il sole come a maggio
    e Dio per l'ultimo saluto lo ha mandato
    Ho conosciuto una donna eccezionale
    Di lei ho sentito solo belle parole
    era febbraio ma splendeva il sole
    rappresentava Dio al suo funerale.
    Luigi Totaro
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Totaro
      Triste è il presente quando non si ha un futuro
      Il Parkinson non guarisce e non perdona
      Ogni movimento rallenta, diviene duro
      Immobilizza tutta la persona
      A te che della vita sei il Signore
      Non oso chiedere per me la guarigione
      Ma più forza per resistere al dolore
      Capacità maggiore di sopportazione
      Quando sarà giunta la mia ora
      Accorcia, ti prego, l'agonia
      Non è lo spirito è la carne che t'implora
      Rendimi facile il trapasso e.... così sia.
      Luigi Totaro
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Totaro
        Per quarantanni ho vissuto... con... te
        godendo appieno le gioie della vita
        ora che si avvicina la fin della partita
        da più di un anno vivo sol... per... te
        ti ricordi i tanti interessi che avevo ieri?
        I molti contatti che avevo con la gente?
        Tutto finito e non è rimasto niente
        solo tu ora sei nei miei pensieri
        se qualcuno non ti tratta con l'affetto
        che ti meriti e... come io vorrei
        se avessi la forza... reagirei
        non ce l'ho... mi sento male e... vado a letto.
        Luigi Totaro
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di