Questo sito contribuisce alla audience di

Bestia stanca

Cume m, tempu fa, questu cagnettu
l'a tuttu i-na frasca e stettin
e sempre ti vegghevi u s cuin
a-u ventu drtu, giancu ciumassettu.

Aa poviu cumpagnu, me bestin,
l' persu de zuent tantu frixettu,
ci de l'am nu erca u fenuggettu,
e-u dorme e-u dorme drentu de-in cestin.

Anche mi me sun fetu bestia stanca,
persu di vent'ni nastri e pissi,
e-a succa divent l' tutta gianca,

e sulu i sun rigordu i belli rissi,
che-u chu, quarch'otta, drentu triste u branca,
poviu chu sensa luxe de caprissi.
Vota la poesia: Commenta

    Gianca geixetta de Santa Libbia

    A t vegn con me fggio e c-i can,
    gianca geixetta sola di me veggi;
    vegn a t sci fin da russa ste
    quando e monti luxan come i speggi!

    E chugge, andando, drento i pre
    scioette e fne grossi massi lggi;
    e st a sent, sette tra-i castagni,
    l'oxellin f sci i rami i s consggi!

    Ma questo figgio, questo me gran figgio,
    n tempo ci gh'avi pe vegn a t:
    e m, c-e forze, z z a me ne liggio.

    E-a questo chu n resta che da ch
    versci spedite brutti e che-a n striggio
    e solu poeta goffo i me fan d!
    Vota la poesia: Commenta

      Arv

      Drento e vene frenexa
      arv u mette fna a m:
      l' in rinasce de poexa
      che me f ball sci in f.

      E st uggi in po' z stanchi
      i se druve a cuius:
      margheitin i sente fan gianchi,
      frescu giancu de bgh.

      E-a l' a cexa tutta sccima
      sutta a-u de turchinettu;
      ogni erbetta a po' i-na cima
      survia l'unda du rianettu.

      Anche u chu tuttu se druve
      a sciurb st paradsu
      pin de cse tutte nuve
      che sci a stradda fan surrisu.

      Bell'arv, mese de poexa
      ti fe nuvo prmo m,
      dandu sangue e vigoria:
      ti riassendi, o verde arv,
      st lanterna che-a sun m.
      Vota la poesia: Commenta

        In ta nivua de l'egua sutt

        Pe-a stradda me ciappa
        in'egua sutt
        e prestu i vest,
        a faccia, e man
        a sentu bagne...

        Nutte de ste:
        pe-a tera e stissette
        i sveggia di odui:
        nu gh' rumui
        e mancu de luxi.

        Ma in m se snde
        a lampa du chu:
        e cume figgiu
        a vaggu in ta nivua
        de l'egua sutt
        fe imbastindu
        cun fietta de f

        In una nuvola di pioggia sottile

        Per strada mi sorprende (=ciappa) - una pioggerellina (=egua) fine - e presto i vestiti, la faccia e le mani sento bagnarsi.
        Notte di estate: sulla terra le goccioline (=stissette) di acqua - svegliano odori: - non ci sono rumori - e mancano le luci.
        Ma in me si accende (=snde) - la lampada (=lampa) del cuore: - e come un fanciullo - mi addentro (=vaggu in) nella nuvola (=nivua) -d'acqua sottile - imbastendo favole (=fe) con fili sottili (=fietta)
        Vota la poesia: Commenta