Poesie di Lella Frasca

Nato domenica 1 gennaio 1956 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Lella Frasca

A papą

A papą!
Te ricordi quanno tornavi a casa nero e sporco
che m'arzavi su su in alto
fino a famme bacią Gesł Risorto?

E quanno ce portavi cor seicento a Torsapienza
a trovą li nonni e salutą zia Enza?
Ce scarozzavi ogni anno a Santa Rita,
pe invocą ną protezione pe la vita!

A papa!
Hai sempre duramente lavorato
e sacrificato pure le feste che Dio ha comannato;
mo te sei fatto vecchio
e sei pure malannato
ma de fa de testa tua
nun te sei ancora stufato!

A papą!
Comincia a pensą de vivere sereno
senza sprecą li giorni solo cor veleno,
fatte torną la bellezza der soriso
e vivilo co noi oggi... er paradiso.
Lella Frasca
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca

    Addio Pat

    Era bello il tuo giardino,
    con la semplicitą delle margherite,
    la purezza delle gionchiglie fiorite,
    la fragilitą dei rossi papaveri,
    con la forza delle stelle alpine...

    C'era il sole
    che dą vita e calore,
    c'era il profumo di tutti quei fiori,
    l'allegria di mille colori...

    e c'erano i suoni
    che a stento sentivi!

    All'improvviso un inverno impetuoso
    nel tuo giardino
    solo ghiaccio ed un manto nevoso;
    anche l'ultimo fiore marcisce,
    il prato svanisce...

    le foglie spazzate dal vento
    e intorno solo pianto e silenzio.
    Si, il silenzio che soffoca i suoni,
    che gią non udivi...
    e che nemmeno immaginerai mai!
    Addio Pat.
    Lella Frasca
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca

      A zi Reną!

      Da quanno che stai in penzione
      anima e corpo hai dato a la Sezzione!
      Lģ cč la vita de na generazzione
      che ha verzato er sangue pe a Liberazzione!

      Nun basta na targa a la memoria
      pe li compagni d'oggi senza storia!
      A zi Reną!
      Ancora nun sei stanco de sogną?

      Nun se po crede! Nun ce se po penzą!
      T'aspetti pe le tessere Veltroni
      e te ritrovi, sarvognuno, Berlusconi!

      A zi Reną!
      A mano nun je se poteva proprio dą!
      Ma je potevi chiede se armeno se voleva tesserą!
      Lella Frasca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lella Frasca

        Er "Caffč Greco" d'oggi

        Povero Caffč Greco č no squallore!
        Me l'arivedo co la fantasia
        quanno, ne l'ottocento, Roma mia
        era piena d'artisti e de sprennore.

        E qui ce bazzicava anche er pittore
        la cantante, er poeta... che allegria!
        Mo c'č puro er sfollato fori via
        co quela faccia stracca de dolore!

        Dove sņ queli tempi ridanciani,
        quanno Gioacchino Belli cor sonetto
        faceva gņde, qui, tanti romani?

        Si invece mo, 'n poeta romanesco
        dicesse quer che penza, ce scommetto
        che poveraccio finirebbe ar fresco!
        Lella Frasca
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lella Frasca

          Le cose mejo der monno

          Quanno marci d'estate pe n'artura,
          sorseggia l'acqua viva de sorgente;
          l'ugola se schiarisce e poi se sente
          scegne ner corpo come na frescura.

          Se arivi stanco, nun avč paura
          de beve invece un gotto arilucente
          de vino bono, alora immantinente
          ritrovi er tono e te va via l'arzura.

          L'acqua arinfresca, e 'r vino te dą core.
          Fu l'acqua a battezzatte e, su l'artare,
          er vino č come er sangue der Signore.

          Ma si l'ammischi assieme, sai ch'ariva?
          Che de du cose bone e tanto care
          fai na mistura stupida e cattiva!
          Lella Frasca
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di