Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Lucia Galasso

Tremola poco lontano

Tremola poco lontano la tua fragrante figura.
Sarò dolce in questa notte fatata, di stella,
lacrima e poesia; tra le mie mani si ribella,
l'arancia che solo nella mia bocca matura.

Pigro ti ascolto morire e quasi muoio sereno.

Saluto con un cenno di cuore il tuo sorriso
che guarda altrove, e deformandoti in viso,
scivola una lacrima di cristallo sul tuo seno.

La tua bocca s'apre a guisa di rosa e tace.

Un cenno di primavera sembra verdeggiare
nei tuoi occhi, come scoglio in calmo mare
o brezza di vento tra le foglie, pianto di pace;
che brucia tutto il resto che per me è natale;
brucia il fuoco dentro se stesso nel movimento,
solo una lacrima può redimere uno, dieci, cento
errori che mi hanno visto sbagliare uguale.

Ti vedo tra le sordide finestre del pensiero,
uguale a mille baci di donna già assaporati
allora, finiti già, ancor prima d'esser iniziati,
persi nella notte di chi sono o di chi ero.

E continuo a non capire tutto il tuo pianto di cera.

Barcollo nella nebbia delle mie troppe risposte
accompagnate poche volte, da domande poste
male o mai poste, che di luce illuminano la sera.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    Questa notte

    Vibrano corde stonate
    al pensiero di lei.
    Riverberi di specchio e stelle
    annegano nel mare
    della mia rinnovata solitudine;
    schiantano sui miei occhi
    stanchi bagliori, nuovi,
    tristi piaceri che l'anima rude schiude;
    antichi suoni,
    schiusi dalla porpora di stelle
    di cui si bagna mesta
    la mia pelle; questa,
    è la polvere stellare;
    lascia la scìa,
    mi sugge linfa vitale da bere dalla sorgente:
    la mia.

    Guardo il suo sguardo
    che nell'infinito oceano
    mi mostra le mille rotte,
    sono solo, io,
    questa notte
    e mille altre.

    Lacero in brandelli di seta e pianto
    il pensiero fugace; di lei.

    L'animo mio innamorato,
    è fallace
    dinanzi al canto inumano;
    è straziato. Tremola
    la mano levata verso il tuono,
    poco distante,
    in segno di sfida
    o forse di perdono,
    ma il gesto è insistente,
    non odo alcun suono,
    se non il pensiero
    d'un uomo che si pente
    d'aver intessuto di passato
    il suo presente,
    tanto d'aver finito
    con il vestire d'abito scuro
    ciò che poteva avere tra le mani ora;
    o in futuro.

    Ascolto solo l'urlo
    che mi accompagna,
    mi consola,
    questa notte sola
    o mille altre
    e altre ancora.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso

      Edonismo puro

      Dolci
      le mani smaniose di proibito su di me torci
      piano;
      un filo di gemito m'accarezza le tempie,
      soffio leggero,
      gonfio è il pensiero mio
      nel ventre; un'impudica ebbrezza m'empie
      di getto,
      rosso di voglia il mio petto nudo,
      distratto dalla tua carnosa opulenza,
      s'agita sotto.
      Imploro clemenza, assaporo i tuoi gemiti,
      scostanti;
      linfa s'insinua in ogni poro lasciando distanti
      i gesti di mano e le colate d'oro pressanti,
      come acqua e diga in esplosione
      rallento dolcemente,
      lo sento lei mi sente mentre pigra
      la mia voglia latente lacera il mio ventre e grida.
      Vota la poesia: Commenta