Scritta da: Silvana Stremiz
Poi che il romano Uccello lo stendardo
latino impose su l'itale terre
surgesti minaccioso baluardo.

Surgesti minaccioso e nelle guerre
che devastaron la campagna opima
gran nerbo di guerrieri entro rinserre.

Allora Duca non v'era non Reïna,
ma molti feditori e balestrieri
per il peggio dell'oste e la ruina.

Rozzo sorgevi allora, ma tra i neri
fianchi adunavi impavida coorte
d'uomini armati di coraggio e fieri.

Da i tuoi muri turriti da la forte
ossatura dei fianchi da i bastioni
le bertesche gittavano la morte

su i signori feudali, su i baroni
vogliosi di posar la man predace
su nuove terre e aver nuovi blasoni.

L'Evo Medio passò, ma non si tace
per anco il ferro: i Conti San Martino
nell'antico manier non hanno pace.

Il Torresan, secondo Attila, insino
questi colli per ordine di Francia
porta guerra con suo stuolo ferino.

Ma il Bassignana sua coorte slancia
e, mentre fra le braccia di Leonarda
meretrice quei dorme, ecco l'abbrancia.

Nel diruto castello fino a tarda
etade vive Donna Caterina
sposa esemplare in epoca beffarda.

E contro il Cardinale che Cristina
di Francia come sua suddita guarda
Don Filippo difende la Regina.

Per alcun tempo qui, quando la tarda
baronia declinò, ristette l'urna
che d'Arduino il cenere riguarda.

Ma invidïosa poi ladra notturna
viene coi bravi antica Marchesana,
l'urna si toglie e fugge taciturna.

O quante larve vivono d'arcana
vita in miei sogni! Parlano gli abeti
del grande parco, s'anima la piana

dei prati illustri. Appare fra i laureti
bella ospite del Re Carlo Felice
Maria Luisa da i grandi occhi inquieti

ed ecco il Re che un'era nuova indice,
ecco Maria Cristina sua consorte,
ecco risorta l'epoca felice.

Così mentre m'aggiro e su le morte
foglie premo col piede lungo il viale
mille imagini son da me risorte.

E tutto tace. Non il sepolcrale
silenzio rompe il suono delli squilli
non latrato di veltri. L'autunnale

luce è silente. Non canto di grilli
estivo e roco. Solo indefinito
fievole viene un suono di zampilli.

È il ferro di cavallo. Quivi ardito
sul delfino cavalca ancor Nettuno
di verdi-gialli licheni vestito.

Le sirene lapidee dal bruno
manto di musco accennano al ferrigno
Signor del luogo. E non risponde alcuno.

Però su l'acque in tempo eguale il Cigno
muove le palme con ritmo silente
e volge attorno l'occhio fiero e arcigno.

Sogna ancor forse Leda nelle intente
pupille nere lungo la divina
sponda d'Eurota? Ahimè, la Dea è assente.

Ma fra i mirti, fra i lauri la Regina
del luogo appare cavalcante e bionda
come bianca matrona bizantina.

Avanza il baio fino su la sponda
del bacino. Si specchia trepidante
la signora nell'acqua. E il sol la inonda.

E l'erme antiche memori di tante
Iddie pagane del bel mito assente
la rediviva Diana cavalcante

guatano immote, misteriosamente.
Guido Gozzano
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Dal pavimento di musaico, snelli
    colonnati surgevano a spirale
    s'attorcevano in forma vegetale
    li acanti d'oro sotto i capitelli.

    Quivi posava un vaso - trionfale
    sculptura greca - e ai dì lontani e belli
    di Venere accorrean schiave a drappelli
    per colmarlo di mirra e d'aromale.

    E le turbe obliavano l'orrore
    aspirando l'aulir dell'incensiere
    lenitore d'affanni e di dolore.

    Simile a l'urna Voi amo vedere,
    dolce Signora, che col vostro amore,
    m'offerite la coppa del Piacere.
    Guido Gozzano
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Mammina diciottenne

      Non mai - dico non mai - così m'infiamma
      il senso d'una vita bella e forte
      come quando apparite nelle corte
      gonnelle d'alpinista, esile damma!

      Non m'irridete! Ché nessuna fiamma
      come costoro che vi fan coorte
      m'invita a seguitar la vostra sorte,
      o Margherita, giovinetta Mamma!

      O Margherita, mamma diciottenne,
      chinatevi sul bimbo vostro e ad ogni
      bacio s'unisca l'oro delle teste.

      Guardandovi così fu che mi venne
      come un rimorso di cattivi sogni
      e un desiderio di parole oneste.
      Guido Gozzano
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Il modello

        Perché non tenteremo la fortuna
        d'un bel sonetto biascicante in ore
        e dove il core rimi con amore
        e dove luna rimi con laguna?

        Pensiero! - E non bellezza inopportuna.
        Sincerità! - Il tema delle "otto ore".
        Amore! - Un tal che si trapassa il core
        per una sarta, al chiaro della luna.

        "Ma che arte, che lima!... Chi s'adopra,
        scrivendo, a farsi intendere con poca
        fatica, sarà valido e sincero... "

        Così farò. Così, lasciata l'opra
        del paiolo e del mestolo, la cuoca
        dirà con te: "Ma qui c'è del pensiero! ".
        Guido Gozzano
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          A un demagogo

          Tu dici bene: è tempo che consacri
          ai fratelli la mente che si estolle
          anche il poeta, citaredo folle
          rapido negli antichi simulacri!

          Non più le tempie coronate d'acri
          serti di rose alla Bellezza molle;
          venga all'aperto! Canti tra le folle,
          stenda la mano ai suoi fratelli sacri!

          E tu non mi perdoni se m'indugio,
          poiché di rose non si fanno spade
          per la lotta dei tuoi sogni vermigli.

          Ma un fiore gitterò dal mio rifugio
          sempre a chi soffre e sogna e piange e cade.
          Eccoti un fiore, o tu che mi somigli!
          Guido Gozzano
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di