Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giusy Maugeri

Tenerezze di un tempo

Malinconica sera
di volti cari richiamati alla mente,
passi vissuti di un tempo
intarsi nella memoria
come fasci di luce,
si addensano
i ricordi della mia infanzia
nel luogo in cui
lasciai il cuore
di piccola bimba
e un sorriso mi vedo sgorgare
come candido fiore.
A volte cadeva la neve
nella mia terra natìa
e i pupazzi di neve
con le variopinte sciarpe di lana
che nonna faceva
sorridevano sempre...
E il buon odore del sugo di carne
della domenica
è ancora nelle mie narici,
di nascosto vi intingevo
un pezzetto di pane
perché mamma non voleva...
Nostalgia...
delle traversate sul mare
con i ferry-boat
per puro divertimento,
senza autovettura,
senza file estenuanti
e la Madonnina
che dall'alto ci dava la sua benedizione...
È nostalgico il canto stasera,
dell'infanzia beata?
O dei tempi di allora?
Anche le lancette dell'orologio
erano più indulgenti,
non avevano l'ansia del tempo,
la frenesia della corsa,
scandivano il tempo con sereno andare
e noi... assaporavamo la vita!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giusy Maugeri

    Sorridi

    Sorridi al sole che illumina la
    terra e fa germogliare la vita
    Sorridi al passero che si posa sul tuo davanzale
    in cerca di poche briciole
    Sorridi al vecchio che ti regala i suoi saggi consigli
    e aiuta la sua mano tremante
    ti benedirà
    Sorridi all'amico quando cerca il tuo sguardo
    ti chiede aiuto e sicurezza
    Sorridi all'ammalato senza speranza
    il tuo sorriso sarà per lui la medicina più preziosa
    Sorridi al sorgere di ogni nuovo giorno
    perché è un dono di Dio
    Sorridi al timido bocciolo di un fiore
    anch'esso ti annuncia il miracolo della vita
    Sorridi al frastuono dei bimbi
    essi sono la speranza di un mondo migliore
    Sorridi all'amore in qualunque forma si manifesti
    esso vince il tempo e lo spazio
    Sorridi davanti alle meschinità della gente senz'anima
    il tuo sorriso forse la farà ricredere
    Sorridi quando ascolti note armoniose
    la musica è linguaggio universale
    Sorridi al tuo fratello dalla pelle più colorata
    è in tutto simile a te
    Sorridi e troverai la pace nel tuo cuore
    e in quello degli altri.
    Composta sabato 2 febbraio 2002
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giusy Maugeri

      Stellina

      Che illumini la mia esistenza,
      a me donata dal buon Dio
      per riempire il mio cuore di gioia
      e per perpetuare la specie...
      sei cresciuta
      sei già quasi donna
      e ti incammini lungo i sentieri del mondo.
      Alla tua età tutto è piacevole emozione,
      è felicità incontenibile
      un amore appena sbocciato,
      è sentirsi il mondo tra le mani
      ma...
      incontrerai inevitabilmente anche ostacoli,
      affrontali con coraggio e pazienza,
      a volte potrai sentire di non farcela,
      allora tu sai che il buon Dio ti verrà in aiuto.
      Non perdere mai la speranza,
      guarda con fiducia all'alba del giorno che nasce
      e godine la bellezza
      come un dono prezioso.
      Ama con tutto il cuore
      ma ciò non ti preserverà da qualche delusione...
      Rialzati e continua...
      Accetta ogni avvenimento
      come arricchimento e crescita interiore,
      anche se triste
      ti avrà temprato lo spirito!
      Non indurire mai il tuo cuore,
      preservalo dall'indifferenza e dalla sfiducia,
      sono i peggiori nemici dell'uomo!
      Non rifiutare aiuto
      ad una persona che soffre,
      nessun impegno sarà più urgente o importante.
      Non idealizzare una persona che stimi,
      anch'essa è fatta di carne, con le sue debolezze...
      accettala com'è
      ma fai in modo di tirare fuori tutto il buono che in essa c'è!
      Solo in nostro Signore
      è perfezione assoluta,
      amore sublime,
      sconfinato,
      disinteressato...!
      Tutto il resto è semplicemente, meravigliosamente
      Umano!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giusy Maugeri

        Lacrime

        Lacrime
        cristalli limpidi e veri
        di cuore spezzato
        cadono giù
        ma non fanno rumore
        lentamente scivolano dentro l'anima
        ne sento il sapore
        dolce e amaro al contempo
        le offro alle stelle
        come sacrificio d'amore
        come offerta di pace
        per chi pace non ha
        e non è baratro
        e non è nulla
        quell'arcobaleno riflesso
        che nei cristalli
        vedo nascere adesso...
        Vota la poesia: Commenta