Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giulia G.

Aliti di vento

S'espande il canto mio dorato
che nel cuore indelebile
ha ancorato
Le mie parole
sono una esecuzione selvatica,
che porta la mia mente in alto.
Nel mio girovagare eterno
mi vesto di voi
parole d'amore
che dormite accanto
quiete e silenziose.
Goccia dopo goccia
come aliti di vento
respiro nell'aria il profumo
dell'amore
che si fa tepore
al quale aggrappo questo mio libero cuore.
Cerco con le dita
pieghe dorate sulla tua pelle
dal profumo intenso del ciclamino
nutrendo il mio respiro.
Chiudo gli occhi e vedo
spiriti puri e onde d'anima
che profumano d'immenso e di mistero
per fare venire vero
ogni mio desiderio...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giulia G.

    Il nuovo anno

    È arrivato il capodanno
    festeggiamo il nuovo anno
    Ci mostriamo allegramente
    perché l'anno sia sorridente
    Questa sera non dormiamo
    balliamo, balliamo e ci divertiamo
    siamo pieni di domande
    inebriati dallo spumante
    L'Anno nuovo come sarà?
    L'indovino non lo sà?
    E ' un giro di roulette
    punta la manche tocca a te...
    giochi al lotto punta il rosso
    e vedrai che gran botto...
    Il destino è nel buon vino
    accompagnato dal cotechino...
    tra lenticchie e panettone
    ci auguriamo un Anno migliore...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giulia G.

      Coriandoli

      Si piega l'ombra della sera
      raccogliendo con sé
      gli ultimi raggi di luce...
      Frammenti di carta
      solleticati dalla danza del vento
      volano nel cielo,
      sulle ali di un fiore,
      lacerati come la mia anima
      entrano senza alcun pudore...
      Scendendo da nesso
      pare un miracolo...
      questa gioia celata di farfalle,
      che sorvolano ogni ostacolo.
      Percepisco solo il rumore
      in un crescendo di respiri
      intrappolate dalle labbra
      avide di calore.
      Il profumo disperso,
      saziava l'aria
      ... mentre l'innocenza si rallegrava...
      Parole sussurrano l'anima,
      frantumando a pezzi... i ricordi,
      oramai divenuti stretti...
      Alle mie mani, resta il gesto forzato
      che libera un numero sfuggenti di coriandoli...
      Spettatrice senza parole
      lascio all'emozione chiudere il sipario...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giulia G.

        Il poeta del mare

        Scorgo l'orlo turchino
        nella pace di un silenzio sacro
        dal fruscio incessante del mare
        ... Tu ali di poesia
        che nell'animo infrangi
        stimoli il passo...
        violando l'intimità dei cieli
        sconquassando negli abissi dell'Io...
        Questo odor marino
        che si innalza all'alba
        naviga nell'anima cercando parole...
        in un soffio d'amore...
        L'ebbrezza offre danze dell'immensità
        che mi portano alla realtà...
        Sotto il sorriso argenteo della luna,
        si gonfia la sua forza attiva
        abbracciando tutta la riva
        Le mie mani accarezzano
        con sapiente danza,
        la spuma bianca
        in tutta la sua eleganza...
        Composta lunedì 30 novembre 1998
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giulia G.

          Tristezza mia

          Ogni goccia che bagna
          è una mia lacrima...
          Cerco tracce dei miei giorni
          mentre si allertano
          i respiri ed il pensiero
          per lenire i ricordi...
          I miei occhi,
          sono limpidi come l'acqua,
          e le speranze accumulate
          si dissolvono in pensieri oscuri
          petali di margherite
          appaiono nell'anima
          come larghe ferite
          Ogni goccia che si fa strada
          riga il mio viso
          cancellando il sorriso...
          Dolore
          che di notte alzi il capo
          e guardi il mare
          la tua calma assoluta
          non posso scordare.
          Cerco le ore
          che richiami il sole
          nel deserto dell'animo
          che lentamente muore...
          Con mani tremanti
          colgo il vuoto oscuro
          perché non sia silenzio
          il mio l'ultimo muro...
          Vota la poesia: Commenta