Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Lillanica

Per l'eternità

Ho questo piccolo ricordo che parla di te,
che mi sprigiona i pensieri più dolci,
che permetterà che tu sia il protagonista in
alcune mie poesie. Finché la gabbia del mio cuore
non si aprirà sarà difficile scacciare via tutti
i ricordi che mi legano a te!
Vorrei poter trovare la chiave per aprirla e far
volare via quei ricordi, così il vento
li porterà con sé lasciandoli in vita per l'eternità.
Composta venerdì 4 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lillanica

    Parte opposta

    Sento nelle tue parole versi mai ascoltati
    finora, parole a me sconosciute dalla tua bocca.
    Vorrei poterti ignorare ma qualcosa mi impedisce in
    questa azione. Hai deciso tu di lasciarmi, volare via,
    di farmi arrivare dove nessuno è mai stato prima d'ora,
    dove gente come noi vive felice,
    dove si amano e non si lasceranno mai,
    dove io sarò lì a guardarli...
    perché tu sei volato dalla parte opposta!
    Composta venerdì 4 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lillanica

      Senza di te

      È da oggi che il mio cammino andrà avanti
      senza di te! Sarà la mia mente ad ignorarti,
      forse la mia voce che non riuscirà più ad emettere
      suoni quando i miei occhi vedranno la tua immagine.
      Ma sarà il mio cuore a decidere se ti vorrà ancora
      nella mia vita.
      E finora, in ogni incontro per sbaglio,
      lui gridava il tuo nome... perché batte ancora per te!
      Composta mercoledì 9 dicembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lillanica

        Le ali di un angelo

        Cammino per la strada con i pensieri
        che non riesco a spazzare via. Ad un tratto mi blocco.
        Guardo attentamente e vedo uno spirito passarmi davanti,
        lui non mi nota. Inizio ad inseguirlo. Si siede in un angolo
        e inizia a piangere. Pian piano mi avvicino, alza la testa
        e con lo sguardo vuoto mi chiede: "riesci a vedermi?"
        Resto in silenzio per qualche secondo. "Ti vedo e sento la tua tristezza!"
        Mi siedo accanto e gli tengo la mano
        mentre su di essa scende lentamente una sua lacrima. Continuo a guardarlo. In un attimo mi lascia la mano ed entra nel mio corpo!
        Mi mostra il suo passato e così anche dal mio viso scende una lacrima.
        Lui sente la mia tristezza ed entra nella mia mente, sento un suo respiro, dolcemente mi dice: "chiudi gli occhi non avere paura puoi fidarti di me". Chiudo gli occhi, sento un vuoto dentro me, li riapro e mi
        ritrovo con due enormi ali! Mi accompagna a casa, poi mi dice: "Ho
        conosciuto un angelo... un angelo inviato sulla Terra, quelle ali erano le tue. Le ali di un angelo!"
        Vota la poesia: Commenta