Poesie di Gaspare Serra

Studente di Giurisprudenza, nato lunedì 2 luglio 1984 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Scritta da: Gaspare Serra

Due abissi che s'incontrano

Un mistero di silenzio ci separa
mentr'io ti sento ancor più vicina,
nei paraggi dell'esistenza.

Nelle tue labbra ordinatrici
trova ordine la mia vita;
le tue parole racchiudono inesplicabili spazi,
varcando senza vesti
profondissime gote
ed indugiando librate nell'aria
(come aloni sospirati dal vento... ).

La mia voce tremante
s'incatena alla tua suadente;
in ogni mio pensiero
converge un brivido in fiamme,
mentre il mediterraneo delle mie labbra
emette
scintille
di fuoco
-per te-.

Ti ho vista,
in un momento ti sei persa;
mi ungesti di luce
e in un attimo i miei occhi
presero la forma dei tuoi sguardi,
liberando per te
sguardi d'Amore incontrollati
(vetri spezzati che si specchiano,
granelli di sabbia che si bagnano... ).

Un linguaggio ancestrale
trasuda dal tuo sorriso,
mentre la mia mano
- impigliata nella rete di oggi e di ieri -
è ancora riversa sulla tua,
rifugiandosi in una valle d'eternità e d'immenso...

Imprigionato ai tuoi passi
seguo la tua ombra in simbiosi;
ogni carezza
-freccia puntata d'ogni tentazione-
permuta il dolore represso in un grido,
mentr'io raccolgo un fiore bianco di magnolia
per ritrarti un'altra volta.

Abbattuti muri di resistenza,
tolgo il sonno alle labbra,
supero ogni lecito confine,
perché un bacio ricopra la distanza che rimane
tra la tua Amicizia
ed il mio Amore!
Ed intanto sento sprofondare sotto me un vuoto
cresciuto all'altezza esatta del piacere
(pozione segreta da bere
- rabbrividendo -
in fretta).

Addormentata nella strada d'un sogno,
rivedo te ogni giorno
nell'orbita di gesti non compiuti,
di sguardi non sferzati;
la notte il rosso dei miei pensieri
tinge le tue vesti di carne
per dare l'ultimo tocco
alla tela che ti ritrae folgorante
(scintilla di sole
pronta ad infiammare il cielo! ).

Il nostro Amore rimarrà
il sogno irrealizzato d'un bambino,
il volo accennato d'un gabbiano,
il frutto non raccolto d'un giardino,
perché noi siamo
come due abissi che s'incontrano:
un pozzo senza luce
che fissa il suo cielo senza fondo...
Gaspare Serra
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di