Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz
La mia vita è un mar: l'acqua è 'l mio pianto,
i venti sono l'aure dè sospiri,
la speranza è la nave, i miei desiri
la vela e i remi, che la caccian tanto.
La tramontana mia è il lume santo
dè miei duo chiari, due stellanti giri,
à quai convien ch'ancor lontana ì miri
senza timon, senza nocchier a canto.
Le perigliose e sùbite tempeste
son le teme e le fredde gelosie,
al dipartirsi tarde, al venir preste.
Bonacce non vi son, perché dal die
che voi, conte, da me lontan vi feste,
partîr con voi l'ore serene mie.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Deh foss'io certa almen ch'alcuna volta
    voi rivolgeste a me l'alto pensiero,
    conte, a cui per mio danno i cieli diêro
    sì da' lacci d'Amor l'anima sciolta.
    L'acerba pena mia nel petto accolta,
    l'empia mercé del dispietato arciero,
    i sospir, che 'n amor sola mi fêro,
    avrian triegua talor o poca o molta.
    Ma 'l sentirmi patir carca di fede,
    senza muover pietade a chi mi strugge,
    a chi contento i miei tormenti vede,
    sì le speranze mie tronca et adugge
    che, se Dio di rimedio non provede,
    l'alma per dipartirsi freme e rugge.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      La gran sete amorosa che m'afflige,
      la memoria del ben onde son priva,
      che mi sta dentro al cor tenace e viva,
      sì che null'altra più forte s'affige,
      sovra ogni forza mia move et addige
      la vena mia per sé muta e restiva,
      e fa che 'n queste carte adombri e scriva
      quanto aspramente Amor m'arde e trafige.
      Chi fa qual noi parlar la muta pica?
      Chi 'l nero corvo e gli altri muti uccelli?
      La brama sol di quel che li nutrica.
      Però s'avien ch'io scriva e ch'io favelli,
      narrando l'amorosa mia fatica,
      non son io no, son gli occhi vaghi e belli.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        Gli occhi onde mi legasti, Amor, affrena,
        sì che non veggan mai altra bellezza,
        altra creanza ed altra gentilezza
        di belle donne onde la Francia è piena;
        acciò che quanto ora è dolce ed amena,
        non sia piena di lagrime e d'asprezza
        la vita mia, ch'ogn'altra cosa sprezza,
        fuor che la luce lor chiara e serena.
        E, s'egli avien che sia lor mostro a sorte,
        obietto che sia degno esser amato,
        ed accenda quel cor tenace e forte,
        ferisci lui col tuo stral impiombato,
        o con quel d'oro dona a me la morte,
        perché viver non voglio in tale stato.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Alto colle, gradito e grazioso,
          novo Parnaso mio, novo Elicona,
          ove poggiando attendo la corona,
          de le fatiche mie dolce riposo:
          quanto sei qui tra noi chiaro e famoso,
          e quanto sei a Rodano e a Garona,
          a dir in rime alto disio mi sprona,
          ma l'opra è tal, che cominciar non oso.
          Anzi quanto averrà che mai ne canti,
          fia pura ombra del ver, perciò che 'l vero
          va di lungo il mio stil e l'altrui innanti.
          Le tue frondi e 'l tuo giogo verdi e 'ntero
          conservi 'l cielo, albergo degli amanti.
          Colle gentil, dignissimo d'impero.
          Vota la poesia: Commenta