Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gaetano Ferrieri

Marianna

Rosee labbra fan veder un misterioso sorriso,
nascondi nel cuore il sofferto passato,
esprimi nel volto la gioia presente,
chiudi nello sguardo il cercar futuro.

Rompe nel silenzio il tuo passo calmo,
affretta il pensiero nel difenderti l'animo,
ti presta l'idea d'essere intensamente amata,
eppure esprimi gioia nel vivere quotidiano.

Misteri e passioni nascondi nell'intimo,
ascolti e doni sebbene richiami l'istinto,
Donna sei eguale nel tuo stato di Vita,
conserva nel tempo quella luce ch'emani col sorriso.
Composta lunedì 14 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gaetano Ferrieri

    Il Sole brilla sempre

    Guardo il cielo dalla finestra aperta,
    i miei occhi si sottraggono al sole,
    le mie mani cercano nella campagna,
    cullarsi al vento ed accarezzar un fiore.

    Sceso m'incammino sul sentiero bagnato,
    attento a non disturbar l'erba co la rugiada,
    il passo si fa lento il pensiero si trasporta,
    odori e colori mescolano nel mio essere natura.

    Alzo lo sguardo per essere baciato dal sole,
    intravedo lontano un gruppo di braccianti,
    accompagnano pei campi le loro canzoni,
    compenserà coi raggi il sole in futuri doni.

    Fresca terra in un colore tenue traspare,
    brillare nella pozzanghera dopo la luna,
    intravedo quei raggi che t'inondan di luce,
    come un arcobaleno brilla sempre il sole.
    Composta sabato 19 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gaetano Ferrieri

      Capodanno

      Nasci piccolo e sei già nell'immenso mondo,
      maturo condividi luci colori essenze di profumi,
      conosci strade sentieri come adulto intraprendi,
      fai tesoro di fatti e vite quotidiane nei ricordi.

      Giorni freddi passano nella bellezza del Mondo,
      la natura regala immagini forti nel bel mattino,
      portando una pace silente in un cielo stellato,
      eccoti correre raccogliere il vivere della specie.

      Passano veloci tra i venti le piogge le stagioni,
      definite dall'uomo nell'evolversi della natura,
      corri carico di gioie e di dolori e saggio taci,
      lasci il passo al nuovo certo della sapienza umana.
      Composta giovedì 31 dicembre 2009
      Vota la poesia: Commenta