Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Franco Vitale

Operatore Socio Sanitario, nato lunedì 17 agosto 1964 a Torino (Italia)

Scritta da: Franco Vitale

Guarire

Guarire da un amore,
odori rubati al nulla,
veleno e limoni,
aspro gusto di morte,
semplicemente vivo.

Guarire da un amore
sopravvivere al noi,
gesti da evitare,
oggetti senza forma,
semplicemente fermo.

Guarire da un amore
calma di polvere e nuvole,
scelte inconsapevoli,
fiato sui vetri,
semplicemente freddo.

Guarire da un amore,
pelle graffiata e calda,
lacrime e istinto,
gocce di eterno,
semplicemente stanco.

Guarire da un amore,
tracce di luce e orgasmi,
urla di fiamme e velluto
anime morbide,
semplicemente caldo.

Guarire da un amore.
piccole frasi inutili,
desiderio e ragione,
ombre di petali e cuoio,
semplicemente scuro.

Guarire da un amore,
lividi e finzione,
segni di guerre antiche,
orme di cuori scalzi,
semplicemente...
solo.
Composta sabato 25 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Vitale

    Chiudi gli occhi

    Chiudi gli occhi
    solo un istante,
    lasciati cadere,
    carezza il vuoto,
    rallentami l'anima,
    umanamente buia.

    Chiudi gli occhi,
    palpebre ruvide,
    lacrime tiepide,
    ronzio delle ciglia,
    finestre che sbattono,
    su pelle sottile.

    Chiudi gli occhi,
    sbottonami i sensi,
    carezzami il fiato,
    abbraccia il silenzio,
    lenzuola di carta,
    ti graffiano il seno.

    Chiudi gli occhi,
    cieca arroganza,
    annusa ogni piega
    di un corpo salato,
    preziosa ogni goccia,
    rubata al deserto

    Chiudi gli occhi...
    Spalancati a me...
    Composta sabato 25 dicembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Vitale

      Sottile

      Sottile dolcezza,
      velluto tra i denti,
      respirami il collo,
      ostaggio bollente,
      salita invitante,
      gemito scalzo.

      Sottile dolcezza,
      spirale perfetta,
      capezzoli e miele,
      ondate di pelle,
      colpo su colpo,
      tendini e chimica.

      Sottile dolcezza,
      strati di noi,
      estremo contatto,
      merletti e sudore,
      rispetto di cera,
      salvezza graffiata.

      Sottile dolcezza,
      piacere sofferto,
      purezza ed errore,
      scrupoli in fuga,
      riflessi sospesi...
      orgasmi sottili.
      Composta sabato 25 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Franco Vitale

        No

        Non ci riesco,
        il vento contrario
        riporta gli oggetti
        che sanno di te.

        Non ci riesco,
        speranze smaltate
        brillano opache
        lontano da me.

        Non ci riesco,
        ricordi e vapore
        appannano il cielo
        sopra di me.

        Non ci riesco,
        parole recise
        di frasi annodate
        confondono me.

        Non ci riesco,
        finestre socchiuse,
        non hanno pareti
        ma mostrano te.

        Non ci riesco,
        granelli di angoscia,
        bugie e sciarpe corte
        avvolgono me.

        Non ci riesco,
        timore e ruggiti,
        gusto salato,
        sapore di te.

        Non ci riesco,
        cantarti o morire,
        strofe interrotte
        risuonano in me.

        Non ci riesco,
        il lupo è ferito
        ma fissa la luna
        bordata di te.

        Non ci riesco,
        lancette di burro
        raccontano un tempo
        diverso da me.

        Non ci riesco,
        non mi rassegno,
        vivere è poco...
        lontano da te.
        Composta sabato 25 dicembre 2010
        Vota la poesia: Commenta