Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO

Filastrocca p'i munei

Filastrocca p'i munei

c'è chi vien' da luntan'
e va d' fuga o va pian',
s (e) va pian' nun s' la pia
tant' arriva e po' va via.

Se vien' 'na volta al giorn'
pogh' dop' arfà ritorn';
s (e) vien' 'na volta al mes',
ha sparagnat' su l' spes';

s' (e) vien' 'na volta all'ann',
nun fa ben' e nun fa dann'.
Ma s (e) vien' quant' i par'
pol gì ai monti oppur' al mar'.

S (e) v (e)niss' a casa mia
m'arcumand' l'all (e)gria,
culmo' s' canta e po' s' sona,
e che 'l Signor c (e) la mandi bona.


Filastrocca per i monelli

c'è chi viene da lontano
e va di fretta o va piano,
se va piano non se la prende
tanto arriva e poi va via.

Se viene una volta al giorno
poco dopo rifà ritorno;
se viene una volta al mese
ha risparmiato sulle spese;

Se viene una volta all'anno,
non fa bene e non fa danno.
Ma se viene quando gli pare
può andare ai monti oppure al mare.

E se venisse a casa mia
mi raccomando l'allegria,
così si canta e si suona
e che il Signore ce la mandi buona.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    La medaglietta miracolosa

    Cari  Sposi,
    Nt' la vita ognun' strada facend',
    prima o poi arriva nt' 'n incroc(e):
    c'è chi va dritt' e chi n' s'arrend',
    e chi si fa 'l segn' d' la croc(e).

    Anch' vuialtri ogg(i) se' arrivati
    'ndò la d(e)cision', davera, è impurtant'
    ma quei com' vo', ch'enn innamurati,
    d' sigura nun s' sbaia più d' tant'.

    Sta m(e)daietta ch' io v'argal',
    ma te nipot' e ma la cara sposa,
    s' n' fa ben', nun fa manch' mal':
    c'è chi dice ch'è miraculosa.

    Traduzione:
    Cari sposi
    Nella vita, strada facendo,
    prima o poi si arriva ad un incrocio:
    c'è chi va diritto e chi non s'arrende,
    e chi invece si fa il segno della croce.

    Anche voialtri oggi siete arrivati
    dove la decisione, davvero, è importante,
    ma quelli come voi che sono innamorati,
    di sicuro non si sbagliano più di tanto.

    Questa medaglietta che vi regalo
    a te nipote e alla cara sposa,
    se non fa bene, non fa neanche male:
    c'è chi dice ch'è miracolosa.
    Composta sabato 5 settembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      I voi ben (Le voglio bene)

      Fioj mia,
      vo' m' dumandè
      s'io voi ben'
      ma vostra madr'?

      C(i)avè ragion,
      n' l' digh mai,
      ma lia p'r me
      è com' 'na mistiganza
      d'erb' bon' e prufumat'
      ch' m' dann'
      la dip(e)ndenza.
      Anzi,
      s' duvessi arman'
      sol' 'n giorn' senza,
      mi pia'n suché,
      'n' scunfort'
      'na crisi d'astinenza.


      Figli miei,
      voi mi domandate
      se io voglio bene
      a vostra madre?

      Avete ragione,
      non lo dico mai,
      ma lei per me
      e come un miscuglio
      di erbe buone e profumate
      che mi danno
      la dipendenza.
      Anzi,
      se dovessi rimanere
      solo un giorno senza,
      mi prende un non so che,
      uno sconforto,
      una crisi di astinenza.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Giù p(e)l fium' - Giù per il fiume

        Andà a spass' giù p(e)l fium'
        s' r(e)spira un'antr' aria,
        e s' sent' 'n antr' prufum'.

        Anicò è armast' ugual'
        e chi machì fa 'l chiass'
        ènn l' solit' cical'.

        Io m'arcord ch' da fiol
        passav' tant' temp'
        giu' p(e)l fium' oppur' al mol.

        P(e)r no' era 'na gara
        sa 'n am' e 'l fil' d' spagna
        a p(e)scà 'na baldigara

        o a caccia d' animai
        di raghni e ciambotti
        e n' andavi a casa mai,

        ma adè chi c'(i) va più,
        s' fa anicò d' fuga,
        e se guardi malà giù

        vedi 'sol' 'n fium lent'
        ch' tra i greppi e i caneti,
        va e nun l' ferma gnent.


        Andare a spasso, giù per il fiume
        si respira un'altra aria
        e si sente un altro profumo.

        Ogni cosa è rimasta uguale
        e chi, qui fa il chiasso
        sono le solite cicale.

        Io mi ricordo che da bambino
        passavo tanto tempo
        giù per il fiume oppure al molo.

        Per noi era una gara
        con l'amo ed il filo di nylon (filo di spagna)
        pescare una baldigara (cefalo)

        o a caccia di animali,
        di ramarri e di rospi
        e non andavi a casa mai.

        Ma adesso chi ci va più
        si fa tutto alla svelta
        e se guardi laggiù

        vedi solo un fiume lento
        che tra i greppi e i canneti
        va e non lo ferma nulla.
        Vota la poesia: Commenta