Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO
Parla com' magni
(o magna com' parli)

Se te parli com' magni
po' ess' ch' n' c (e) capim',
ma se la robba è bona
poj parla' anch' in dialett'.

Da no' s' magna ben',
basta sapè 'ndo' andà;
s' giri, anco' s' trova
chi adopra 'l rasagnol'.

Se po' te t'accuntenti
e t' piac (e) 'l fast-food,
quel ch' n' strozza ingrassa,
ma e mej 'n bel panin'.

Chi va dietra la moda
cerca 'n'alt (e)rnativa,
frances, americana,
esotica o cines'.

Cert' è quistion' d' gusti!
S' magni quel ch' trovi
e magari sa l'imbut',
nun pudrai manc' discorr'.

C (i)' avessi invec (e) mod
d' magnà com' s' dev'
e sgambiacc (e) do' parol',
saria tutta salut'.

O parli com' magni,
o magni com' parli,
caro mio c (e) poj scumett'
ch' va ben' anch' 'l dialett'.


Parla come mangi
(o mangia come parli)
Se tu parli come mangi
può essere che non ci capiamo,
ma se la roba è buona
puoi parlare anche in dialetto.
Da noi si mangia bene,
basta sapere dove andare;
se giri, ancora si trova
chi adopera il mattarello.
Se poi tu ti accontenti
e ti piace il fast-food,
quello che non strozza ingrassa,
ma è meglio un bel panino.
Chi va dietro alla moda
cerca un'alternativa,
francese, americana,
esotica o cinese.
Certo è questione di gusti!
Se mangi quello che trovi
e magari con l'imbuto,
non potrai neanche discorrere.
Ci avessi invece modo
di mangiare come si deve
e scambiarci due parole,
sarebbe tutta salute.
O parli come mangi,
o mangi come parli,
caro mio ci puoi scommettere
che va bene anche il dialetto.
Composta giovedì 21 gennaio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Il traffico a Natale

    Il traffico, nelle pause,
    concede spesso attimi
    di riflessione
    che prendono lo spunto
    dal comportamento
    delle persone.
    La gente rimane anonima
    sino a quando,
    motivi diversi,
    indesiderati, non intervengono
    a pungolarne la mente:
    un sorpasso,
    una frenata,
    un semaforo,
    un vigile.
    Quanto inquietudine!
    Eppure a casa
    li aspetta il Natale.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      Ritornano i canti

      Un fruscio leggero
      fra gli abeti illuminati;
      un rincorrersi di suoni
      tra i vicoli innevati.
      C'è un'armonia di note
      nelle canzoni antiche,
      che svegliano i ricordi
      della mia età fanciulla.
      Ritornano i canti
      in folate di stornelli,
      come tanti pentagrammi
      che scendon dalle stelle.
      È un vento melodioso
      che sfiora le montagne
      e le pareti inghirlandate
      del mio piccolo presepe.
      Il volo degli Auguri
      non reca alcun presagio,
      ma insegue in cielo i sogni,
      della notte di Natale.
      Composta venerdì 27 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Lu' è machì p'r tutti (Lui è qui per tutti)

        Lu' è machì p'r tutti

        p'r qualcun è 'n chiod fiss'
        ma co' è sta cunfusion'!
        E' 'n po' ch' 'l cruc (e)fiss'
        è div (e)ntat' 'na quistion'.

        C'è chi s' batt' giustament'
        p'r mant (e)né la tradizion'
        c'è a chi n'importa gnent';
        e a chi n' i va la r (e) ligion'.

        Cert' adè sotta Natal'
        tirà fora st'argument'
        da chi ogg (i), ben' o mal'
        la v (e)dria diversament,

        n' m' par' na gran' idea.
        M' sa ch' n'c'è rispett'
        o c (e) po' ess' chi s' la crea
        sulament' p' fa 'n dispett'.

        'L crucifiss' c'è da 'n pezz'
        e prutegg (e) i bei e i brutti.
        Io davera n' m'arcapezz'
        dat' ch' Lu' è machì p'r tutti.


        Lui è qui per tutti

        Per qualcuno è un chiodo fisso,
        ma cosa è questa confuzione!
        E' un po' che il crocefisso
        è diventato una questione.

        C'è chi si batte giustamente
        per mantenere la tradizione;
        c'è a chi non importa niente
        e a chi non gli va la religione.

        Certo adesso sotto Natale
        tirar fuori questo argomento
        da chi oggi, bene o male,
        la vedrebbe diversamente,

        non mi pare una grande idea.
        Mi sa che non c'è rispetto
        o ci può essere chi se la crea
        solamente per far un dispetto.

        Il crocefisso c'è da un pezzo
        e protegge i belli e i brutti.
        Io davvero non mi raccapezzo
        dato che Lui è qui per tutti.
        Composta martedì 24 novembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO

          Columbus way (un viaggio a ritroso)

          Dal mar pare risorto
          ed un antico faro
          lo guida ancora al porto
          del borgo marinaro.

          A te volge lo sguardo
          il tuo navigatore
          che leva lo stendardo
          in fè del Salvatore.

          Sì, l'Ammiraglio è vivo,
          fulgente e ardimentoso
          benché d'un legno privo
          per l'ultimo a ritroso.

          L'ormeggio che lo attende
          è un laccio alla memoria
          che saldo non s'arrende
          ai venti della storia.

          Europa vagli incontro,
          vai, corri mia nazione!
          E non lasciar lo scontro
          a vincer la ragione.

          Sarai la sua sorpresa
          e l'ultima scoperta
          dal dì che t'hanno resa
          una frontiera aperta.

          E mai sia la spada
          a ridestar chi tace
          Europa non t'accada
          di rinnegar la pace!
          Vota la poesia: Commenta