Scritta da: FRANCESCO

A Francesca

Io andavo lungo il "sentiero",
tu venivi...
il mio amore cadde tra le tue braccia,
il tuo amore tremò nelle mie.

Da allora il mio cielo di notte
ebbe stelle
e per raccoglierle
la tua vita si fece "fiume".

E per assaporarne
l'estasiante radiosità
i nostri sguardi si fusero insieme...
in proiezioni cosmiche.

Per e, ogni cosa che toccheranno
le tue mani,
dev'essere sorgente...
aroma, frutto e fiore,
e si compenetri in noi
tra delicate essenze d'amore!
Francesco Passeretti
Vota la poesia: Commenta

    IL sentiero

    Le gialle lingue
    ondeggiano all'aria
    e gli acri fumi
    chiudon le gole.

    Lo schioppettio
    E lo sfavillar del legno
    richiama lo sparviero
    E il cinquettar del passero.

    Dell'alito del vento... il soffio
    ch'ogni momento bramo
    E... che mai le nude foglie mosse;
    chino alle fronde il ramo
    che la corteccia antica scosse.

    S'ode nel tempo il canto
    del servo e condottiero;
    S'ode il lamento santo
    che sgrana e urla al sentiero.

    Nascosto all'ombreggiar del castagno
    appoggiato sul costone
    M'appari... dai fianchi snelli
    mio soffice paesino d'arte antica...
    ma rigonfio di caldi E teneri umori.

    Innanzi a me il mio passo
    sembra indurre la mia mente
    A vagheggiar...
    nell'assolate scintiforme.

    Lento il sentiero
    al paese m'avvicina;
    E un fraticello...
    dall'invecchiato e prensile cordone,
    S'accosta all'uscio della chiesa.

    Intorno agli alati
    "rintocca" la campana
    E la visione...
    nella mia mente s'allontana!
    Francesco Passeretti
    Vota la poesia: Commenta

      Vorrei che sia

      Fiori di sabbia
      esplosi dalle dune,
      ch'ogni granello il sol
      imbrilla E incanta.

      Fiori di roccia
      E di cristallo
      che tra le gole
      il gelido manto
      nasconde al vigile occhio
      del cacciante.

      Fiori ancestrali
      che tra le turbe della mente
      fecondano E plasmano
      L'onda del pensiero.

      Fiori D'amore
      che tra le righe
      del copione della vita
      sbocciaste un giorno
      senza più appassir nei sentimenti.

      Ed io ti penso!
      Bramando nella mente
      un sol tuo gesto,
      una parola, uno sguardo, un tuo sorriso,
      che mi riporti nell'anima
      E nel cuore
      quel tenero E languido tormento
      he ha un sol nome... "sentimento"
      che riconobbi...
      tra tutti I fiori del creato
      in una margherita dai petali D'argento !!
      Francesco Passeretti
      Vota la poesia: Commenta

        L'ombra del maligno

        Cari fratelli miei
        che sconosciuti A me foste
        fino al giorno in vui
        il seme del demonio
        interruppe le vostre vite.

        Piangere vorrei
        sulle sacre E bianche ossa
        E cingere vorrei
        in un caldissimo abbraccio
        le vostre radiose anime.

        Il sangue benedetto della terra
        dal quale nasceste
        ... È lo stesso mio sangue !!
        Francesco Passeretti
        Vota la poesia: Commenta

          Per sempre

          Il freddo abbraccio dell'inverno
          avvolge le mie ossa,
          ed il gelo opacizza E trita
          I miei pensieri residui.

          Dio sa se vorrei
          che presto ritorni primavera...
          A far sguazzar la mente
          in una giungla di fiori
          emanante un tiepido torpore profumato!

          Se cercassi di pensarti,
          il calore dei tuoi ricordi
          si esaurirebbe...
          E mai ciò farei
          se volontà tua
          questo non fosse.

          E poi il cuore! Il mio cuore!!
          Non potrei mai rischiar,
          in questo gelido inverno,
          di farlo raffreddare,
          senza il calore che mi dai
          nel pensarti.

          Per questo, amore mio,
          sarai sempre in me.

          Aspettando che ritorni primavera,
          E poi un'altra primavera...
          ed ancora un'altra primavera...
          fino alla fine
          delle mie primavere!
          Francesco Passeretti
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di