Scritta da: margherita1

Un treno qualunque

Quanta vita dentro una stazione,
andirivieni di bagagli e cuori.
Salgo, scelgo il sedile
accanto al finestrino,
mi piace guardare il mondo
che scorre a sua insaputa.
Un bimbo piange assonnato,
un uomo legge il giornale,
una ragazza sbatte le ciglia
pensando a quel bacio
salato di lacrime
lasciato sui lucidi binari.
Ora il treno muove lento.
Stralci di figure
si spezzettano tra la folla.
Prende ritmo e corre.
Gli occhi non fanno in tempo
a fermare gli scorci di mare,
le terre coltivate a viti,
alti palazzi di periferia,
piccole stazioni dove
un uomo abbraccia
quella figura vestita di rosso.
Mentre il treno nella notte
tenace macina le rotaie,
teste si appoggiano al mento,
altre reclinano su spalle dolenti.
Ma il mio mento è fermo,
lo sguardo è fisso,
cullami treno, cantami quella
canzone dei tempi andati,
fammi sentire bambina
in un giorno di festa,
dimmi che mi porterai
dove voglio andare,
che sarà un viaggio
di partenza e non di ritorno.
Fa che questa notte
sia lunga quanto basti
perché questo viaggio
possa non finire mai.
Franca Mercadante
Composta mercoledì 25 luglio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: margherita1

    Amiche Rondini.

    Garriscono le rondini nel cielo
    disegnando un arco perfetto
    tra le nuvole della sera.
    Con il naso in sù le seguo
    voltando la testa.
    Poi d'istinto apro le braccia
    e volo lassù con loro.
    Mi accolgono amiche
    con le loro lucide piume,
    m'insegnano  a planare,
    a cavalcare le correnti
    che il vesto sospinge.
    Quassù l'aria è tersa,
    il cielo si scruta da vicino
    simile ad un grande mare
    in cui è impossibile pescare.
    Mi accerchiano festose,
    con le dita sfioro le loro ali
    che si inclinano ad ogni soffio,
    laggiù il mondo annoiato
    è  ignaro di tanta gioia.
    Piccole cose, piccole case,
    sfrecciano tra le cime degli alberi.
    Io volo e le seguo
    senza chiedere dove andranno,
    loro sembrano saperlo
    mentre io non saprei dove andare.
    Una di loro si accosta a me
    posa un'ala sul mio capo
    come un bacio leggero,
    m'invita ad una virata.
    Saliamo più in alto
    mentre il cuore scoppia senz'aria.
    Compagne di volo
    come aviatori provetti puntiamo
    verso mete sconosciute
    dove ci attendono
    Nuove Primavere.
    Franca Mercadante
    Composta lunedì 16 luglio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: margherita1

      Guardando la notte che se ne va

      Ce ne stiamo quì
      in questo scampolo di prato
      mentre la luna si dissolve
      alla luce del giorno.
      Parli piano per non
      disturbare quest'attimo
      che sta in equilibrio
      sulla perfezione
      di un'emozione rara.
      Solo le dita intrecciate
      come prolungamento
      di essere tutt'uno
      tra pelle , cuore e vestiti.
      Ho un nodo in gola
      lacrime felici lottano
      tra le mie ciglia senza sonno.
      Tu guardi lontano,molto lontano.
      Non so ancora dove mi vuoi portare,
      ma le tue mani sono
      calde, umide e tenere.
      e io mi affido a te,
      mi ci accoccolo dentro
      come in un letto di fiabe.
      E mentre il sole nuovo
      si sdraia assonnato sul prato,
      tu baci le mie dita,
      tante quanti saranno
      i secoli del nostro tempo.
      Franca Mercadante
      Composta lunedì 16 luglio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: margherita1

        Ninna nanna innamorata

        Un bacio su ogni palpebra
        come lo starnuto di una libellula.
        Un bacio sul mento
        come lo scarabocchio di una matita.
        Un bacio sull'ispida guancia
        come una formica che balla il tip-tap.
        Un bacio in fronte
        come una goccia di pioggia.
        Un bacio sul naso
        come solletico di una piuma.
        Un bacio sul pomo d'Adamo
        come dolce succo di mela.
        Un bacio sulle labbra in attesa
        da un tempo sospeso,
        da occhi umidi sognanti e sognati,
        tra coccole a un uomo fatto bimbo
        tra braccia di donna fatta bimba,
        per quest'amore bambino
        che cresce a pane e baci,
        api, mirtilli, biscotti
        ninna nanna e risate
        sotto il cuscino,
        dove neppure le zanzare
        osano disturbare l'incanto
        di una calda notte d'estate.
        Franca Mercadante
        Composta mercoledì 11 luglio 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: margherita1

          Lacrime amare

          Ed eccoti lì
          un guerriero
          con la spada spuntata.
          Si è consumata
          da tante volte che
          l'hai infilzata
          nella mia carne.
          Curavi le mie ferite
          per poterle riaprire.
          Ed ora non sono rimaste
          che ossa scarne
          per una lama consumata.
          A testa bassa guardi
          il pavimento,
          cerchi la redenzione
          ai tuoi peccati.
          Non sono io
          che posso assolverti,
          io posso solo
          dimenticare ogni segno
          ogni cicatrice
          che mi porto dentro.
          Far finta di non vederle
          quando mi spoglio.
          Lacrime tintinnano
          sulle tue scarpe,
          le mie le ho finite,
          mentre a te che
          ne rimangono ancora
          non resta che piangere.
          Franca Mercadante
          Composta martedì 10 luglio 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di