Questo sito contribuisce alla audience di

Lu Pastureddu/Il pastorello

Chiovi
e
sciuscia lu ventu
sutta la 'ncirata
sta lu pastureddu
cù li stivali
nì lu fancu,
chini di crita
chi renni
ogni passo
chiù pisanti.
Mancianu
li picureddi
sutta l'acqua
frisca,
qualchi picuredda
fa - meeeh!,
pari chi parla
e
dici: -
" Quantu eni filici
lu nostru patruni
nì talia cù granni
amuri,
nì accudisci,
ni custudisci,
comu
i sò figghi".
Pì passatempu
nì la sò menti,
lu pastureddu
canta
e
dici: -
"Manciati, manciati,
tantu latti fati,
picchì li mi sacrifici
aviti a primiari
accussì io
e la me famigghia
na vita tranquilla
putemmu fari"
Ridi lu pastureddu!

-


Piove
e
soffia il vento
sotto semipermeabile
sta il pastorello
con gli stivali
nel fango,
pieni di creta
che rende
ogni passo
più pesante.
Mangiano
le pecorelle
sotto l'acqua
fresca,
qualche pecorella
fa - Meeh!, (bela)
sembra che parla
e
dice: -
"Quanto è felici
il nostro padrone
ci guarda con grande
amore,
ci accudisce
ci custodisce,
come
i suoi figli".
Per passatempo
nella sua mente
il pastorello
canta e dici: -
"mangiate, mangiate,
tanto latte fate,
perché i miei sacrifici
avete da premiare
di conseguenza io
e la mia famiglia
una vita tranquilla
possiamo fare".
Ride il pastorello!
Vota la poesia: Commenta

    Percorso di vita

    Un uomo
    a piedi scalzi,
    cammina
    verso un sole
    nascente,
    lasciando
    traccia del
    suo passato.

    Su una spiaggia
    bagnata
    dalle acque
    cristalline
    di un mare
    tranquillo.

    Orme più o meno
    impresse
    sulla sabbia
    bagnata
    da un piede
    a volte leggero
    oppure pesante.

    Ormai stanco
    del camminare
    il tuo piede
    vuole riposare
    sotto un sole
    nascente
    e un viso
    sorridente.
    Vota la poesia: Commenta