Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Federica Colarossi

Studentessa, nato martedì 22 ottobre 1985 a Sassuolo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Federica Colarossi

Poco adatto

Poco adatto al mondo delle parole,
mi rifugio tra le immagini colorate
di un mondo a parte.
Poco sveglio nella realtà del fare,
sogno una vita nella quale
posso essere un colore, una forma, un suono.
Poco adatto come uomo,
voglio pensare alla mia vera natura,
ed essere adatto a quel che sono,
perché semplicemente io Sono,
e sono adatto al mio Essere.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Federica Colarossi

    Sentirti

    Corposo è il colore del sentimento
    che come fumo acceca quella che il mondo definisce ragione.
    Ma razionale è quel che la mente riconosce nei suoi schemi,
    e fuor da essi trovo l'emozione del viverti in libertà,
    tu che sei il mondo oltre ciò che appare,
    la realtà che impercettibile scivola sui nostri corpi
    e regala un'illusione dei sensi mai come ora nitida e sublime.
    Mani di velluto sfiorano il mio palmo,
    e voltando il mio viso verso il tutto ch'è la tua immagine,
    capisco che quel che è reale
    è il solo Sentire, è il solo Sentirti.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Federica Colarossi

      Amore che mi fa vivere

      Ruvide mani sfiorano le ombre
      di queste mie labbra dipinte di rosso,
      e cadendo sul velo roseo di un sospiro
      raccontano il piacere dell'amore.
      Speciale stretta di un pugno di passione
      che raccoglie sul suo palmo il mio caldo respiro.
      Gli occhi non vedono e la mente s'abbandona
      sotto una coperta color porpora,
      sotto un amore che vive e mi fa vivere.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Federica Colarossi

        Occhi neri

        Occhi neri
        riflettono le profondità di un mare
        nel quale tue parole ondeggiano
        come canti di sirene
        che danzano tra le gocce
        di un caldo blu scuro.
        Non esiste limite a questo infinito scorrere di acque limpide
        le cui onde ogni sera cavalchi tra gli sguardi dei pesci
        che osservano il gioco dei tuoi occhi,
        quegli occhi senza orizzonte,
        occhi neri specchio del mare.
        Vota la poesia: Commenta