Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

La dea primavera

La primavera altezzosa, boriosa,
conosce il suo fascino prodigioso,
la sua prorompente bellezza! La sua magia

con il suo delicato tocco... ogni cespuglio rinverdisce
carezza i prati e spuntano migliaia di fiori colorati
la dea scintilla sotto il sole, lascia dietro di se

aromi, profumi, effluvi, fragranze indimenticabili
danza la primavera, con balli misteriosi
applaudita, amata, vezzeggiata, adulata,

accolta e voluta dal mondo intero!
La dea è circondata da miriadi di farfalle colorate,
capricciosa, bizzarra, viziata,

tutti amano lei.
Composta sabato 14 maggio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Quando siamo tristi

    Quando ci sentiamo tristi e soli
    l'anima sembra nascondersi in un meandro profondo,
    tutto sembra estraneo, non abbiamo voglia di parlare,

    il sole sembra oscuro e le stelle sono come smorte, opache,
    non usciamo di casa perché nulla ci attira,
    il nostro sorriso è come morto sulle nostre labbra,

    l'unica cosa da fare è fuggire in un bosco
    sederci sotto una quercia e ascoltare il silenzio,
    il gorgoglio del ruscello, mormora a noi dolcemente,

    i cardellini cantano, il fruscio del vento scuote le foglie
    e asciuga le nostre lacrime, alcune farfalle volano allegre
    sembrano giocare, mentre un piccolo cerbiatto

    gusta germogli verdi e invitanti, i raggi del sole scintillano
    tra i rami ondeggianti, tutto improvvisamente diventa melodia,
    che entra dentro di noi accarezza l'anima, rincuora lo spirito,

    abbraccia il nostro intimo, capiamo che nulla più ci angoscia,
    la pace la serenità regna in noi e intorno a noi,
    perché capisci che noi siamo molto importanti nel pensiero di Dio,

    su questa terra tutto ci può accadere, ma angosce, dispiaceri,
    malattie, delusioni, ognuno di noi passa
    ma non ci annienteranno mai, perché noi

    stiamo andando verso l'eternità, un altra esistenza ci attende
    la vera vita, la sola e potremo finalmente ripetere
    le parole di Dio: "... il padre tergerà ogni lacrima,

    perché le cose di prima, sono passate..."
    Composta sabato 14 maggio 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      La terra

      La mia vita è preziosa agli occhi di Dio,
      e osservando la natura, possiamo capire
      la grande bellezza del Creatore,

      la sua misericordia infinita,
      è per tutto il popolo, di questo pianeta,
      la terra è malata per nostro merito,

      la natura comincia a ribellarsi,
      i grandi ghiacci si sciolgono,
      i mari saliranno e inonderanno le coste,

      la temperatura del globo aumenta,
      le stagioni sono in subbuglio,
      stiamo andando verso la catastrofe,

      i potenti della terra, hanno responsabilità
      sono criminali, protetti dal demonio
      su questo pianeta non esiste giustizia

      noi tutti aspettiamo il giudizio di Dio,
      la sua giustizia sarà implacabile,
      tanto misericordioso oggi.
      Composta giovedì 12 maggio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Gli angeli cantano

        Gli angeli contemplano Dio infinita bontà,
        cantano e suonano melodie profonde e meravigliose,
        celestiali voci di inimmaginabile bellezza,

        celebrano la gloria del Creatore ogni istante,
        brillano della sua luce sfavillante,
        radiazione luminosa, di bagliore vivo nell'alto dei cieli,

        accendono i loro occhi, del riflesso del loro sentimento interiore
        risplendono dell'amore, che Dio ha impastato nel loro spirito
        quando furono creati,

        i loro occhi sfavillano come rubini, verso l'essere umano
        ma dalla persona cattiva, si allontanano come uno scudo
        formato da scintille.
        Composta lunedì 9 maggio 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Mattino di maggio

          Il mattino silenzioso e profumato di primavera,
          come note musicali che ondeggiano nell'aria,
          tra i voli di farfalla e il cinguettio del cardellino,

          celestiale momento d'amore e di quiete,
          mentre i fiori splendono come gioielli nei prati erbosi
          scintillano di colori e aromi delicati,

          l'animo è predisposto alla quiete della preghiera
          la luce è padrona del cielo fino a tarda sera,
          maggio, il mese più dolce dell'anno.
          Composta lunedì 9 maggio 2016
          Vota la poesia: Commenta