Poesie di Daniela Bonomi

Consulente ambito odontoiatrico, marketing e comu., nato martedì 23 giugno 1964 a Brescia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: DANA

Savana

Inseguire
l'ombra dell'onda
è un gioco sadico
cambierà il vento
chiederai alla luna
ma non cambierà il senso
ne la fortuna

un giorno uscirà
quell'anima mia costretta
in un busto stretto
respirerà di nuovo
passione animosa
contagiosa pazzia
o cederà
all'inesorabile buonsenso

la gioia confonde
lacrime e sorrisi
l'umano conflitto
tra l'ero e l'ormai sono
te ne faccio colpa a volte
ma non è un tuo dispetto

asciugo i miei capelli
irridendo all'età
ostinatamente lunghi
e bagnati di vita

mentre scrivo
immagino serpenti
la sabbia entra negli occhi
vedo zebre correre lontano
essenza equina
e sorrido

savana ero io
ora foresta intricata
pur sempre selvaggia.
Daniela Bonomi
Composta mercoledì 16 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: DANA

    Imperfetto amore

    Imperfetto riguardo
    il caldo nel letto

    Di un altro naufragio
    stupito è piacere

    Costante diletto
    un corpo due noi

    Inadeguato pensiero
    villano progetto

    Giullare del tempo
    che scherzi mi fai

    Il sono contenta
    non arriva mai

    Stancante risveglio
    perduta nottata

    Come doccia gelata
    hai increspato i miei poi

    Resta un oggi suadente
    ma l'incertezza del noi.
    Daniela Bonomi
    Composta lunedì 28 settembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: DANA

      Alla moviola

      Inchiostro torna indietro
      cancella la parola fine
      lava le rime sporche
      e torna docile
      in questa cannuccia fredda
      riportami il calore di lui
      nel dentro
      risalendo tra le dita
      riscalda questa mano
      che non vuole più carezze
      passando dal braccio
      che cinge il nulla
      disegna sul mio seno
      un ultimo brivido
      e raggiungi il cuore di poeta
      e se non puoi far altro
      riconducilo
      al suo stato primitivo
      di muscolo schiavo
      di un battito senza gloria.
      Daniela Bonomi
      Composta sabato 24 ottobre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: DANA

        Inverno

        Ed all'inverno riapro la porta
        Stupito mi chiede - sei sola stasera? -

        Gli dico - entra pure, ma non fare domande
        Lo sai non ti amo, preferisco l'estate-

        -Scusa stasera sono un po stanco,
        ho portato il peso del rimpianto-

        -Non mi interessa ciò che hai portato
        io ne ho da vendere, l'hai dimenticato? -

        Il cuore sussulta e bussa anche lui
        Una lacrima ride sporgendosi un poco
        a bagnare qualcuno ma solo per gioco

        -Una lacrima sola non bagna nessuno! _

        -e un cuore che balla senza una festa...
        Che storia è mai questa? -

        Guardando la luna
        che sembra sincera
        mi piace pensare
        sia l'occhio di Dio
        che mi sta a spiare.

        E allora lo prego
        nel modo mio strano

        -Ridammi la forza
        di stargli lontano-

        -Ridammi il sorriso
        ma non questo finto
        che uso di giorno
        che è solo dipinto-

        e riecco l'inverno che s'intromette
        -Dove posso scaldare le mie scarpette? -

        -non penserai tutta la stagione restare
        Io non ho nessuna voglia di gelare

        Io voglio amare tanto e di gusto
        Voglio scaldarmi con l'uomo giusto

        Credevo ci fosse... mi sbagliavo
        Di un vincolo unico si sentiva schiavo

        Ed all'inverno riapro la porta
        Ma per farlo uscire... perché io non son morta.
        Daniela Bonomi
        Composta mercoledì 28 ottobre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di